Una iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre

ROMA, mercoledì, 4 marzo 2009 (ZENIT.org).- “In Memoriam Martyrum” è il titolo dei tre giorni di preghiera e riflessione sulla passione di Cristo e della Chiesa organizzati dall’associazione caritativa Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) da venerdì 13 a domenica 15 marzo.

L’iniziativa è dedicata ai martiri del XX secolo e alle sofferenze della Chiesa nel mondo contemporaneo e si svolgerà presso la Pontificia Università della Santa Croce di Roma (Piazza Sant’Apollinare, 49).

La tre giorni di preghiera, ricorda un comunicato di Aiuto alla Chiesa che Soffre inviato a ZENIT, rappresenta l’evoluzione della tradizionale “Quarantore di preghiera per la Chiesa che soffre” che ACS ha realizzato negli anni scorsi a Roma e in numerose Diocesi italiane.

Tra le varie proposte in programma ci sono la Mostra “Sia che viviate sia che moriate”, che ripercorre la drammatica strada dei martiri del XX secolo e alla cui visita parteciperanno alcune scuole, e la Via Crucis dedicata ai martiri del XX secolo che si svolgerà il venerdì pomeriggio nell’attigua Basilica di Sant’Apollinare; in alcuni orari, nella cappella dell’Università si terrà l’Adorazione del Santissimo Sacramento.

Verrà lasciato spazio anche a testimoni che racconteranno la loro esperienza nella Chiesa in India, Vietnam, Eritrea e Iraq.

Alla Conferenza “Siate miei testimoni” parteciperanno invece padre Luis Romera, Rettore dell’Università che ospita l’evento, padre Tone Presern, vice-decano della Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell’Università Pontificia Salesiana, Pierre-Marie Morel, Segretario Generale di ACS, e monsignor Sante Babolin, presidente di ACS in Italia.

La Santa Messa del sabato sarà celebrata da monsignor Mariano Crociata, Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana. La chiusura dell’evento è affidata al Coro della Scuola Germanica di Roma, che si esibirà domenica 15 marzo nella “Passione secondo Giovanni” di J. S. Bach.

Per ulteriori informazioni, www.acs-italia.org