Domenica 22 marzo 2009 alle ore 21,00,

presso la Basilica di S. Lorenzo fuori le Mura (Piazzale del Verano), si terrà la Veglia in Memoria dei Missionari Martiri, per non dimenticare chi con il proprio sangue ha testimoniato la gioia della fede e ha contribuito a diffondere nel mondo il Vangelo

“In Memoriam Martyrum”: questo il titolo del Convegno che si è aperto stamani a Roma, organizzato dall’opera “Aiuto alla Chiesa che soffre”. Tre giorni di preghiera e riflessione sul significato del martirio cristiano nel nostro tempo, accompagnati anche da una mostra sui martiri ed i totalitarismi moderni. L’apertura dei lavori è coincisa con l’anniversario della morte di mons. Paulos Faraj Rahho, arcivescovo di Mosul dei Caldei, rapito il 29 febbraio 2008 e ritrovato morto 13 giorni dopo.

“Un atto di disumana violenza”: così il Papa definì, un anno fa, la morte di mons. Rahho. L’arcivescovo di Mosul dei Caldei era stato rapito alla fine di febbraio, proprio al termine della celebrazione della Via Crucis. Il 13 marzo 2008, il suo corpo era stato ritrovato senza vita nei dintorni di Mosul. Ecco come lo ricorda don Renato Sacco, responsabile per l’Iraq di Pax Christi:

“L’ultima volta l’ho visto l’anno scorso, un mese prima della sua morte. Era un uomo mite e nello stesso tempo scherzoso. L’ultima volta che ci siamo salutati, gli ho detto: ‘Ma adesso com’è a Mosul?’. E lui, con tono un po’ scherzoso, mi disse: ‘Eh, vieni, vedi!’. Credo sia importante ricordarlo insieme ai cristiani uccisi in questi ultimi anni – sono 710, quelli di cui si conosce il nome. Poi ci sono tutti gli altri anonimi, che conosce solo il Signore”.

Domani, nella chiesa di San Paolo a Mosul, il vicario patriarcale di Baghdad, mons. Shlemon Warduni, celebrerà una Messa in suffragio di mons. Rahho. Il rito prevede anche la traslazione della salma dell’arcivescovo, per sua espressa volontà testamentaria, nella parte destra della chiesa, dove abitualmente prende posto il coro dei giovani. Ma ad un anno dalla morte di mons. Rahho, come è cambiato l’Iraq? Ancora don Renato Sacco:

“La prospettiva del ritiro delle truppe americane, le elezioni, la spartizione del potere fanno cambiare un po’ l’assetto. Resta la fatica, soprattutto dei profughi, resta anche il grosso interrogativo della presenza cristiana. Il rischio che non ci sia più una presenza cristiana sarebbe un grave impoverimento per tutti”.

Il primo anniversario della scomparsa di mons. Rahho è concisa con l’apertura del convegno “In Memoriam Martyrum”, presso la Pontificia Università della Santa Croce. Voluto da “Aiuto alla Chiesa che soffre” (Acs), l’incontro intende ricordare coloro che hanno versato il sangue per amore di Cristo. Nei tre giorni di lavori, si alternano momenti di preghiera, testimonianze dirette e riflessioni. Domenica, in chiusura, il concerto della “Passione secondo Giovanni” di Bach. Ascoltiamo mons. Sante Babolin, presidente di Acs-Italia:

“Il titolo, che è in latino ed è ‘in memoriam’, con l’accusativo, indica movimento, il ché significa che questa iniziativa non sarà l’unica. E’ l’inizio di iniziative di questo tipo che si ripeteranno ogni anno”.

Momento centrale del convegno è la mostra “Sia che viviate sia che moriate. Martiri e totalitarismi moderni”. Un modo per sottolineare che, anche nel XXI secolo, la Chiesa continua a contare nuove vittime. Ancora mons. Babolin:

“Questo è il punto centrale, cioè l’eventualità del martirio è parte essenziale della vocazione cristiana. Perché più volte Gesù nel Vangelo dice: ‘Chi vuole essere mio discepolo, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua’. Vuol dire accettare questa eventualità di dover dare la vita per Cristo, perché se devo scegliere tra vivere e rinnegare la mia fede, se sono un discepolo vero di Gesù darò la vita per lui perché la grazia – come dice il Salmo – vale più della vita”.

Secondo il Rapporto 2008 di Acs, sono oltre 60 i Paesi del mondo in cui si registrano gravi violazioni della libertà religiosa: basti citare l’Iraq, l’India, la Cina e la Nigeria, specialmente negli Stati in cui vige la sharia. Ma come far comprendere oggi, soprattutto ai giovani, il valore del martirio? Mons. Babolin:

“Penso che i giovani lo capiscano se si illustra il martirio come un atto d’amore supremo”.

di Isabella Piro

Fonte: www.radiovaticana.org