Vip in declino, per ritrovare lo smalto perduto, promettono benessere ma in cambio chiedono l’anima: il continente dovrebbe rinunciare alla sua devozione alla vita. L’opposto della testimonianza di Benedetto XVI

di Tempi

Che coraggio ci vuole per rinunciare a sfruttare la photo opportunity di un viaggio in Africa, facile iniezione ricostituente di ogni star in difficoltà, e trasformarlo in un corpo a corpo con tutti poteri che vogliono asservire gli africani ai propri disegni: dalle multinazionali agli stregoni, dall’internazionale del condom e dell’aborto alle predatorie élite locali? Ci vuole il coraggio di un grande amore. L’amore senza paura che Benedetto XVI ha dimostrato in occasione di questo suo primo viaggio nel continente nero. Da tempo una nuova forma di sfruttamento dell’Africa, solo apparentemente più soft, sì è aggiunta a quelle tradizionali (tratta degli esseri umani, espropriazione delle materie prime, guerre per procura): il sapiente uso delle disgrazie africane a fini di immagine. Rockstar in crisi d’ispirazione, attrici in declino e capi di Stato in perdita di consensi ostentano la loro solidarietà con mamme e bambini afflitti dalla fame, mutilati dalle mine, colpiti dall’Aids, per ritrovare lo smalto perduto. Promettono benessere per il tramite dei grandi organismi internazionali, ma in cambio chiedono l’anima: l’Africa dovrebbe rinunciare alla sua devozione sconfinata alla generazione della vita, il tratto più suggestivo della sua identità tradizionale. L’opposto della testimonianza del Papa, che non ha temuto di mettere a repentaglio la propria immagine e il proprio tasso di gradimento (secondo un istituto francese avrebbe perso più della metà dei consensi fra i battezzati all’indomani della polemica sui profilattici) pur di difendere  l’Africa dai lupi, compresi quelli travestiti da pecora. Fedele al suo mandato di vicario di Cristo, il pastore che ha dato la vita per il gregge, anziché utilizzarlo per i propri progetti. L’amore sta nel dare, se necessario con sacrificio, e non nel prendere.