Sceneggiato e diretto da Liana Marabini

ROMA, mercoledì, 1° dicembre 2010 (ZENIT.org).- La vita del beato John  Henry Newman è già in fase di ripresa cinematografica. Il Cardinale, che si convertì dall’anglicanesimo al cattolicesimo, beatificato da Papa Benedetto XVI durante il suo recente viaggio nel Regno Unito, ha una biografia appassionante che al cinema verrà chiama “The Unseen World” (“Il mondo non visto”).

Dopo aver realizzato “Il giardiniere di Dio” e “Vivaldi”, Liana Marabini, storica, scenografa e regista cinematografica, specializzata in Storia della Chiesa, ha deciso di realizzare un sogno accarezzato da tempo: far conoscere al grande pubblico una figura significativa come quella del Cardinale Newman.

La Marabini ha appena finito di girare un altro film, “Scripta manent”, nel Principato di Monaco.

Intervistata dal quotidiano “Il Giornale” il 23 novembre, la regista, che è anche produttrice della pellicola, ha spiegato perché ha deciso di realizzare questo film: “Ai miei occhi Newman rappresenta il sacerdote ideale, un’ispirazione per gli altri sacerdoti. E’ il Santo delle conversioni, ma il film è incentrato sulla storia d’amore assoluto di Newman con Dio, che lo porta a piangere di commozione e gioia per Lui anche quando viene assalito dai dubbi”.

La Marabini ha sottolineato anche altri argomenti complessi come la conversione, la liturgia, il tradimento e la castità dei sacerdoti, che Newman dovette affrontare in un’Inghilterra vittoriana e protestante.

Newman è interpretato da Murray Abraham, Premio Oscar per “Amadeus”, che assomiglia molto al  Cardinale inglese.

La regista ha ricordato che i testi del film sono autentici: le parole sono di Newman, così come sono dell’epoca gli ornamenti, donati dalla cineasta ai Musei Vaticani.

Si sta girando in tutti i luoghi in cui visse Newman: circa un terzo del film riguarda scenari storici. Dopo Roma, alla fine dell’anno l’équipe si trasferirà in Inghilterra, dove girerà a Littlemore, Oscott, Birminghan e Oxford e si uniranno al cast gli attori Nastassja Kinski e Christopher Lambert. “The Unseen World” giungerà nei cinema di tutto il mondo a metà del 2011.

Il titolo rappresenta la relazione metafisica che esiste tra l’uomo e Dio, un tema spiegato dal teologo Newman nei suoi numerosi scritti filosofici, catechetici e dottrinali.

Il beato inglese è stato in vita un ponte di dialogo tra due tradizioni cristiane.