Un incontro con il cardinale Georges Cottier
di Silvia Guidi
Tratto da L’Osservatore Romano del 20 febbraio 2011

“I libri noiosi esistono, come sappiamo tutti, ma non è questo il nostro caso, per fortuna”.

Il cardinale Georges Cottier, teologo emerito della Casa Pontificia sta spiegando “Come leggere Joseph Ratzinger”. L’incontro, organizzato dalla Libreria Editrice Vaticana e coordinato da Neria De Giovanni e don Giuseppe Costa, si è svolto venerdì 18 febbraio nella Libreria Internazionale Paolo VI a Roma; lo spazio della libreria dedicato alle conferenze non è stato sufficiente a contenere tutte le persone presenti e molte sedie supplementari sono state aggiunte al piano terra, in mezzo agli scaffali dei libri, davanti a uno schermo che ha permesso a tutti di seguire il raffinato excursus del cardinale.

“Io suggerirei di prendere alla lettera il Papa – ha spiegato Cottier, parlando degli scritti e del pensiero del teologo diventato Benedetto XVI, dalle prime opere fino all’ultimo avvincente libro-intervista con Peter Seewald, Luce del mondo – la teologia è il tentativo umano, e quindi perfettibile, di indagare il mistero di Dio. Il teologo ha il suo punto di vista, può sbagliarsi e cambiare opinione. Il carisma del successore di Pietro, invece, ha il ruolo di mantenere nella Chiesa l’unità e la rettitudine del messaggio rivelato. Quando il Papa si firma Joseph Ratzinger intende ribadire questo; sembra una distinzione ovvia, ma temo non sia stata sufficientemente capita”.

“Nell’opera del cardinale Ratzinger – continua Cottier – ci sono dei temi ricorrenti, uno di questi è il “divorzio” tra fede e ragione, un tema cruciale della modernità. La fede è stata ridotta a superstizione o sentimento, senza avere più niente a che fare con la verità. Ma la ragione è presente nella Bibbia, nella teologia cristiana, in Agostino, Tommaso, abbiamo grandissimi pensatori nella nostra tradizione. Il problema della nostra epoca è una ragione che pretende di essere sufficiente a se stessa e nega, ignora o bolla come irragionevole tutto ciò che non riesce a raggiungere con le proprie forze”.

In ambito esegetico, un’analoga frattura è nata tra il “Cristo storico” e il “Cristo della fede”. Il metodo storico-critico in esegesi – spiega il cardinale – “ha portato a risultati preziosi, ma bisogna diffidare di quelle “vite di Gesù” che tradiscono tale metodo e nelle quali l’autore parla più di se stesso che del Nazareno”.

Se il Settecento aveva la ragione filosofica come misura, adesso è la ragione scientifica a proporsi come unico criterio di conoscenza. “I grandi spiriti pensano alle cose più evidenti che noi non vediamo – chiosa Cottier, continuando la sua “visita guidata” ai temi principali della teologia di Ratzinger – è il Verbo, il Lògos fatto carne di cui parla il Vangelo di Giovanni il ponte fra la ragione umana e la ragione divina. Dio si è rivelato, mi ha raggiunto, questo significa il Verbo si è fatto carne”.

“Quello che stupisce di più di Benedetto XVI – conclude il teologo – è che rimane un uomo felice. Il tema della gioia è molto presente, anche nelle prediche, e tanti lettori sono rimasti colpiti dall’autenticità e dalla semplicità delle cose dette dal Papa in Luce del mondo. La gente si è chiesta: ma è lo stesso uomo di cui parlano i giornali, la stessa persona che viene trasformata dai media in una caricatura di cattivo gusto? In molte pagine del libro si riconosce un Papa rilassato, fiducioso, che si esprime con libertà senza nascondere niente. Prende atto senza censure della secolarizzazione e del relativismo che prevalgono nel vissuto reale di tanti. Davanti a questo, la sua serenità non sembra appoggiarsi su qualche sua trovata, o su qualche ricetta particolare; ripete semplicemente che a tenere accesa nella Chiesa la fiamma viva della fede è Gesù stesso”.