Dal Vangelo secondo Marco 4,26-34.

Diceva: «Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa. Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga. Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura». Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra; ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra». Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere. Senza parabole non parlava loro; ma in privato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa. 

Il commento di don Antonello Iapica

Tutto il Vangelo è percorso da una linea rossa di follia, la stoltezza della Croce. La Scrittura ci trascina in un violento testacoda, e ci ritroviamo spaesati, stranieri in un mondo che non ci appartiene. E’ il Regno di Dio descritto nelle parabole del Vangelo di oggi, che non sono zuccherini per consolare e invitare alla pazienza. Non sono solo questo. Occorre innanzi tutto orecchi e cuore aperti per lasciarsi trascinare fuori dalle proprie sicurezze e, attraverso fallimenti ed angosce, giungere ad assaporare qualcosa di completamente diverso, il vino nuovo del Regno. Occorre essere in cammino, in conversione. Chi è installato, seppur veda sbriciolarsi la vita tra le mani, non comprenderà nulla di queste parabole. Le prenderà come utopia o con sentimentalismo e moralismo, ma non sposteranno di un centimetro il suo sentire profondo. Si tratta delle confidenze di Gesù ai suoi amici, dei misteri del Regno riservate ai suoi eletti. Nel Vangelo, infatti, a proposito della mietitura, laddove leggiamo “porre mano alla falce”, l’originale greco ha “apostellei” che significa inviare, da cui deriva la parola apostolo. Per comprendere il significato di questo termine occorre rifarsi all’ambiente ebraico nel quale è nato il Nuovo Testamento. Lo “schaliah”, tradotto con “apostello”, in ebraico rappresenta un procuratore nel quale è considerato presente colui che lo ha inviato. Il Talmud ripete più di venti volte che “lo schaliah di una persona è un altro se stesso”. Così è, ad esempio, per Eleazaro, il servo-schaliah di Abramo, in occasione del matrimonio di Isacco, al punto che esso fu considerato definitivo allorchè Eleazaro scelse Rebecca ed ella acconsentì. Nel Nuovo Testamento la consapevolezza di uno schaliah di essere un altro se stesso di colui che lo inviava, dal piano della finzione giuridica passa a quello di una realtà mistica ed esistenziale. Per lo Spirito Santo, Cristo dimora negli Apostoli: essi non solo lo rappresentano giuridicamente, ma divengono essi stessi la sua presenza. L’Apostolo di Cristo è Cristo stesso, il suo potere si esprime attraverso di lui, quello che legherà in terra sarà legato in Cielo. Questa profonda intimità è la chiave delle Parabole del Vangelo di oggi. L’apostolo ha lo stesso sentire di Colui che lo ha inviato, ha il suo pensiero dirà San Paolo. Ma se c’è una perfetta identità tra l’apostolo e Gesù, vi è anche tra il Signore ed il Regno dei CieliE’ Lui stesso il Regno della parabola, “l’uomo” che getta il seme che cade in terra, muore e risorge. Attraverso il Mistero Pasquale, il Regno di Dio è seminato irrevocabilmente nella storia, in ogni generazione. Esso segue il percorso di sviluppo proprio di un seme. E’ la Grazia che lo feconda, che ne protegge gli inizi, che lo porta a maturazione. Per questo Gesù dice che la terra produce “spontaneamente”, letteralmente “senza una causa spiegabile” – come è stato per Lui stesso nel grembo di Maria prima e nel sepolcro poi – “stelo, spiga e chicco pieno”. Gli apostoli, gli altri se stessi del seminatore, che sono inviati a raccogliere, attraverso la predicazioneil grano ormai pronto. Nel Vangelo di Giovanni Gesù invita i discepoli a “guardare i campi che già biondeggiano per la mietitura”, proprio nel momento in cui annuncia che “deve mangiare un pane” diverso, sconosciuto sino ad allora, l’opera di Colui che lo ha inviato, la volontà del Padre che si definisce nella Croce che lo consegna in riscatto per ogni uomo. Gesù vede profeticamente il suo mistero di Pasqua come un frutto maturo, ed invita i suoi discepoli ad alzare lo sguardo e ad avere il suo stesso pensiero, gli stessi occhi profetici sul mondo e sugli uomini. “Perchè si rallegri insieme chi semina e chi miete” (cfr. Gv. 4,14ss), nella completa identità tra Gesù e i suoi “inviati”. Per questo Gesù nella sua predicazione dice che il Regno è vicino, mentre agli apostoli inviati in missione raccomanda di annunciare che il Regno di Dio viene con loro. Si tratta di Lui che è vicino, e di loro, che portano dentro il Signore, nella consapevolezza che ovunque vi sono chicchi pieni da mietere.

“Il Regno è come un uomo che getta il seme…”, e quell’uomo è Cristo. Il Regno di Dio è tutta la parabola, non soltanto l’albero cresciuto a raccogliere tra le sue fronde “gli uccelli del cielo”, immagine biblica che descrive i popoli pagani. Il Regno è l’uomo, è il seme, è la terra, è il processo di crescita, e, finalmente, l’albero compiuto. Gli apostoli sono inviati a raccogliere, per Lui ed in Lui, la sua vittoria. L’annuncio del Vangelo è già la mietitura! E’ questo il testacoda delle parabole odierne. E’ un cambio radicale di prospettiva. Non vi sono misure e parametri umani per il successo dell’evangelizzazione, come per qualunque aspetto, opera o parola della nostra vita . Per questo il Signore utilizza la metafora del “granello di senapa”, il più piccolo tra i semi della terra. Ma come, per l’opera più importante, per la salvezza di ogni uomo, si parla di senapa? Certo, e non può essere diversamente! Il pensiero di Dio non è il pensiero dell’uomo, perché per Lui il successo è già, anche se non ancora. E’ già perchè Cristo ha vinto la morte, ed il seme invincibile della sua vittoria è già all’opera, misteriosamente, nel mondo. Non ancora perchè la carne impedisce la pienezza, riservata al Cielo. Su questa certezza la Chiesa ha lasciato il Monte delle Beatitudini e si è lanciata sui sentieri del mondo, sino agli estremi confini della terra. Alla Chiesa, come a ciascuno di noi, è necessario un solo atteggiamento interiore: accettare di non sapere “come” Dio opera nella storia. Il demonio, invece, ci inganna spesso con un cortocircuito velenoso: quello che non si sa, non si comprende e non si vede non esiste. Se non capisco come Dio sta operando in mio figlio, non significa che Egli non lo stia conducendo alla salvezza. La via di Dio, infatti, passa sul mare della morte e le sue orme restano invisibili. Accettare di non capire e non sapere è la più grande professione di fede, l’unica che ci apra le porte dell’autentico riposo: “dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa“. Ma per chi ha la certezza del compimento della salvezza, per chi vive in Cristo, per i suoi apostoli, il non sapere non costituisce problema. Certo le tentazioni di sconforto sono quotidiane. L’evangelizzazione non è una passeggiatina: perchè l’annuncio risuoni e faccia apparire il chicco maturo occorre che riproduca lo stesso suono, la nota capace di liberare nei cuori la musica nascosta: la Passione del Signore. Per questo la storia dell’evangelizzazione è stata e sarà sempre storia di martirio, di solitudine, di umano fallimento. La pazienza nelle sofferenze e la perseveranza nelle tentazioni , provano l’elezione dell’apostolo. Ma la fede è un cammino, la certezza non è frutto di alchimie. Occorre sperimentare, a poco a poco, nella propria vita, la presenza di Cristo, e così lasciare il mondo e i suoi criteri per approdare al pensiero, al sentire di Cristo. E vivere come dentro una profezia compiuta ma non ancora visibile: imparare a vedere, nel deserto, i fiumi di acqua viva promessi. E’ come un rivolo d’acqua sotto le rocce, invisibile a chi pretende di vedere, ancor prima della fonte, un fiume nel suo fluire maestoso. Ma il rivolo c’è, e si fa fonte, e poi ruscello e poi fiume, e poi mare. Così per un apostolo è ragionevole quanto per il mondo è irragionevole, anche la sua stessa vita, gettata come un seme su terra arida, la follia più sapiente. La vita nascosta con Cristo in Dio, il pensiero fisso nel Cielo, per ricondurvi ogni figlio disperso nel buio della solitudine. Così vive ogni istante la Chiesa, seme invisibile, calpestato, ma con dentro la forza e l’onnipotenza di Dio. La Chiesa che mostra al mondo il riposo e la Vita proprio nei rami distesi della Croce, i suoi figli perseguitati nel martirio della storia. La Chiesa è già un rifugio per le Nazioni, i pagani avvolti dalle tenebre della menzogna; ma non ancora, perchè il Vangelo deve essere annunciato ad ogni creatura. Solo allora sarà la fine, quando le braccia crocifisse di Cristo potranno, attirare tutti a sè per l’eternità.



APPROFONDIRE

Le parabole del Regno, il granello di senapa e il seme gettato. Commenti patristici

Marco 4,26-34. Commento di san Beda Il Venerabile

LA SENAPE

J.Ratzinger. Il Regno di Dio e la nuova evangelizzazione

Sant’Ambrogio. Cristo seminato nella terra

CLELIA BARBIERI, PARABOLA EVANGELICA SULLA UMILTÀ. Paolo VI