Parigi, 6. C’è la festa della mamma, del papà, dei nonni. Perché allora non festeggiare tutti quanti insieme, celebrando quel legame privilegiato che è la famiglia, capace di riunire nei momenti felici come nella cattiva sorte? È lo  spirito che anima la sesta edizione della “Festa delle famiglie”, organizzata in Francia dalla confederazione nazionale delle Associazioni familiari cattoliche (Afc). L’appuntamento è per domenica 10 ottobre in ventidue città, tra le quali Strasburgo, Mâcon, Reims, Brest, Clermont-Ferrand, Grenoble, Antibes, Metz, Bourges, Arras, Bordeaux, Chambéry.
“Venite a dire grazie alla vostra famiglia per tutto quello che vi dà”, c’è scritto nel manifesto dell’Afc che invita a partecipare all’evento. L’obiettivo è testimoniare un messaggio positivo, di speranza, è prendere coscienza del valore del dono, libero e gratuito, fondamento della famiglia, di tutte le famiglie. La festa si rivolge proprio per questo a tutti, senza vincoli sociali, religiosi, geografici o culturali.
Istituita nel 2005, la “Festa delle famiglie” è divenuta un appuntamento sempre più importante e seguito nel panorama cattolico francese. Del resto all’Afc aderiscono trentacinquemila famiglie distribuite nel Paese e nei dipartimenti e territori d’oltremare (domenica prossima l’evento sarà celebrato ad esempio anche a Saint-Denis de La Réunion e nella Polinesia francese). L’organizzazione è aperta a tutti coloro che vogliono agire nella società al servizio della famiglia, alla luce dell’insegnamento della Chiesa cattolica. L’Afc è nata ufficialmente nel 1955 ma le sue origini risalgono a cinquant’anni prima, alla creazione cioè dell’Associazione cattolica dei capifamiglia che nel 1914 contava già trentadue federazioni dipartimentali. Duplice la missione che il movimento si è posta fin dalle sue prime assemblee generali:  difendere gli interessi spirituali, morali e materiali delle famiglie, anche attraverso interventi diretti presso le istituzioni pubbliche, per mettere in pratica la dottrina della Chiesa; offrire alle famiglie il sostegno spirituale e l’aiuto formativo necessario per assolvere la missione di coniugi, genitori ed educatori.
La confederazione nazionale delle Associazioni familiari cattoliche, attualmente presieduta da Antoine Renard, ha come consigliere ecclesiale monsignor Bernard Mollat du Jourdin, dell’arcidiocesi di Parigi.
L’organizzazione della “Festa delle famiglie” è affidata all’ispirazione e ai mezzi delle associazioni locali e di volontariato che decidono, autonomamente, come realizzarla:  può dunque includere di volta in volta una kermesse, una marcia, un pranzo, un grande gioco, un concerto, sempre e comunque caratterizzati dal senso del ritrovarsi in famiglia e tra famiglie per condividere un momento conviviale, di gioia.
La festa comincia sempre con la celebrazione di una messa, seguita dalle iniziative più diverse. A Bordeaux si svolgeranno un torneo di calcio, che coinvolgerà genitori e figli, e una grande cena all’aperto, a Strasburgo un picnic e giochi per bambini, a Montrouge verrà proiettato il film Des hommes et des dieux, a Grenoble parlerà il presidente Renard sul tema “Voler cambiare il mondo, è possibile?”, a Saint-Denis de La Réunion ci saranno tavole rotonde e dibattiti sui bisogni degli adolescenti.

(©L’Osservatore Romano – 7 ottobre 2010)