di Don Antonello Iapicca

Dzhannet Abdullayeva (Ap)

Questo volto mi ha rapito gli occhi. Un volto bambino accanto ad uno sposo precoce, e quel ferro mortale come pegno d’amore. Non posso staccare lo sguardo da queste vite polverizzate da un demone invisibile, un abbraccio che spezza il cuore, una catena stretta su vite ancora acerbe. E non son giocattoli quelle armi, sparano e colpiscono davvero, e uccidono di morte vera. Questi due ragazzi non ci sono più. Due occhi di bambina, e odio e sfida, ma è tutto una tragica caricatura. Il demonio strappa la vita, cancella dolcezza e innocenza, oscura la vita. Eppure son due occhi bambini, ti entrano dentro, ed è un dolore lancinante. E ti chiedi che cosa avranno visto, quali dolori, quali violenze. Pensi alla tua infanzia e alla tua adolescenza, uguale a mille altre. Le crisi, le fughe, ed una porta socchiusa in quell’istante decisivo. Era tua Madre ad accoglierti, proprio quel giorno lì, non sai spiegartelo, ma è successo. La Chiesa ti ha accolto, ha parlato al tuo cuore le parole che mai nessuno ti aveva detto, ed è stato un balsamo sulle ferite della vita. Potevi essere tu in quella foto, proprio tu, occhi drogati di menzogna, ed una pistola in pugno a tentare di farti giustizia. Potevo essere io in quella metro, o a casa, o a scuola, o al lavoro, carico di esplosivo a polverizzare la mia vita e quella del mondo intero.

Nutrito di odio e menzogne ero pronto a farmi saltare in aria. Come tutti, ovunque, a far saltare matrimoni, embrioni, amicizie, affetti. Negli occhi di Dzhannet, 17 anni, si specchiano gli occhi di tutto il mondo strozzato nell’ingiustizia più grande, la menzogna del demonio. Lei, il suo giovane marito, e milioni come lei non ci sono più. Brandelli di vite dilaniate sono ora raccolti in qualche cimitero, assieme alle loro vittime, ed una pietra a sigillarne la tomba. Ma oggi è Pasqua, oggi il Signore ha spezzato le catene, infranto la pietra del sepolcro. Come non correre e urlare e annunciare che, per tutti, ovunque, è spalancata la porta della Chiesa, la dimora della misericordia e della Vita, la casa della vera ed unica Giustizia capace di smascherare l’ingiustizia demoniaca. Come non correre ad evangelizzare chiunque, i più, si son fatti già scattare una foto a futura memoria, pronti a farsi esplodere nell’esito più tragico della vita, la consegna all’inganno dell’Avversario. Fissiamo oggi gli occhi di Dzhannet, 17 anni, son gli occhi di tuo fartello, di tua sorela, del tuo collega, di quella ragazza che ti sta passando accanto e non ti accorgi che è cinta d’esplosivo e si affretta alla morte, tra sesso, discoteche, alcool e chissà cosa. E’ vero, lo scandalo ed il dolore di questi giorni sembrano imporci ritirate strategiche o strenue difese dell’accampamento. Ma non sarrano proprio questi gli esiti sperati dal demonio? Non sarà proprio l’aver spento lo zelo missionario diluito in mille rivoli d’impegno sociale e organizzativo ad aver partorito l’indicibile di cui ci vergognamo? No, non è l’ora della ritirata, come non è volontà di Dio disperdere tempo ed energie issando muri a difesa. Alla Chiesa ci ha sempre pensato il Signore. Oggi, in questo giorno eterno dischiuso dalla vittoria di Cristo ci è conseganto un mandato, uno solo, e lo Spirito Santo per realizzarlo: “Come il Padre ha mandato me anch’io mando voi. Andate e annunciate il Vangelo ad ogni creatura. Ecco, io sono con voi sino alla fine del mondo”. Dzhannet è morte, milioni come lei sono, ora, sull’orlo del precipizio. Aspettano una parola, uno sgaurdo d’amore. Il nostro, quello del Signore risorto.