Il presidente dei medici pediatri chiede seri investimenti sulla famiglia

di Antonio Gaspari

ROMA, lunedì, 5 ottobre 2009 (ZENIT.org).- “A fronte di una natalità insufficiente come faremo a garantire un futuro a questo Paese?”, perché “un paese che non fa figli è un paese che dimentica il proprio futuro”.

Con queste parole Giuseppe Mele, presidente della Federazione italiana medici pediatri (FIMP), ha aperto a Roma, mercoledì 30 settembre, il terzo congresso nazionale della federazione intitolato “Il Paese delle culle vuote”.

Mele ha ricordato che “sebbene rimangano costanti i livelli di nascita in Italia, il bilancio è comunque in passivo (il numero di decessi è ancora maggiore rispetto al numero di neonati della penisola”.

Dall’ultimo rapporto ISTAT risulta inoltre che sono sempre meno le famiglie numerose e che l’età in cui si ha il primo (e spesso unico) figlio è salita notevolmente attestandosi intorno ai trent’anni.

Secondo il presidente della FIMP, “il calo delle nascite resta il problema centrale”, perché “una popolazione che invecchia tende a privilegiare le rendita e la sicurezza e vuol dire meno lavoro, meno consumi e meno investimenti”.

Data la vastità del fenomeno, per il presidente dei medici pediatri “la questione demografica non può essere affrontata solo sul piano dei numeri confidano unicamente nel contributo dei flussi migratori”.

Il dott. Mele ha analizzato il dibattito in corso nella società italiana, dove “per alcuni la salvaguardia dei diritti della persona implica il riconoscimento dell’essere ‘naturalmente’ appartenenti ad un sesso rispetto ad un altro, per altri no e rivendicano, ad esempio, il diritto al matrimonio tra omosessuali”.

“Per alcuni il diritto alla vita implica che esso venga tutelato fin dal primo concepimento, per altri no e rivendicano il diritto della donna ad abortire o il diritto a produrre e ad usare embrioni umani per la ricerca”.

Per mettere ordine in questo dibattito, il dott. Mele ha ribadito che prima di essere medici siamo “persone, uomini e donne di questo Paese” e che è necessario decidere per il bene comune sottolineando alcuni principi “fondanti”, primi fra tutti “i valori umani eterni e, tra questi, la difesa della vita, il rispetto per la libertà di pensiero e di culto (a partire dal nostro) e, quindi, la difesa della nostra identità laica e cattolica”.

Per vincere la sfida e costruire un futuro possibile il presidente della FIMP ha denunciato coloro che, di fronte ai costi economici di certe malattie, “potrebbe pensare di sottoporre gli embrioni o i feti umani a test genetici che ne garantiscano la ‘qualità’ prima di farli venire al mondo”.

“Qualcun’altro – ha sottolineato – potrebbe immaginare che una campagna sistematica in favore dell’eutanasia sia una buona strategia per alleggerire i costi di una vita che, diventando sempre più lunga, produce un numero crescente di persone anziane non autosufficienti”.

Per “dare vita e mantenere il livello ottimale di salute dei nostri piccoli assistiti”, ha sostenuto il dott. Mele dobbiamo evitare “ogni tentativo di desertificazione del futuro”.

Dopo aver denunciato i cattivi maestri che insegnano “modelli vincenti basati sulla forza bruta (penso ai molti, troppi video-giochi basati sulla violenza), alla sessualità da fast food, l’idea di dare la pillola ai giovanissimi magari a scuola senza che i genitori ne debbano essere informati”, il presidente della FIMP ha spiegato che “dalla crisi si può uscire solo se si torna ad investire proprio sui valori e sulla responsabilità”.

Per questo motivo la FIMP continua a pensare che si debba ristabilire una scala valoriale dove il primo gradino è rappresentato “dalla centralità della persona umana” e dove lo Stato deve riconoscere che “la tutela della inviolabilità di ogni vita umana costituisce il primo limite alla autorità pubblica e allo stesso tempo il suo fine ultimo”.

“Come potremmo contrastare il tasso di natalità a costi zero senza un serio investimento per la famiglia?”, si è chiesto il dott. Mele, affermando poi che “il nostro Paese vecchio, ma pieno di risorse, deve tornare a scommettere sulle donne e sui bambini per uscire dal declino”.

“Solo così – ha concluso – ci troveremo di fronte ad una prospettava luminosa”.