Da ieri sera la Ru486 è stata introdotta anche nel nostro Paese. Infatti il consiglio di amministrazione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato a maggioranza la contestata pillola abortiva, secondo le indiscrezioni trapelate dopo le 23. Una decisione che è stata presumibilmente contrastata, essendo durata per ben sei ore la discussione tra i cinque componenti del cda nominati il mese scorso dal viceministro alla Salute Ferruccio Fazio: il presidente Sergio Pecorelli e i consiglieri Giovanni Bissoni, Romano Colozzi, Claudio De Vincenti e Gloria Saccani Jotti. Alla fine solo Romano Colozzi, assessore alle Risorse e finanze della Regione Lombardia, si è pronunciato contro l’approvazione della pillola abortiva.

Le modalità dell’assunzione. L’Aifa ha autorizzato la commercializzazione della pillola abortiva solo nell’ambito del “rigoroso rispetto della legge per l’interruzione volontaria della gravidanza”, entro la settima settimana di gestazione e con il “ricovero in una struttura sanitaria, così come previsto dall’art. 8 della legge 194, dal momento dell’assunzione del farmaco sino alla certezza dell’avvenuta interruzione della gravidanza”.

In una nota, l’Aifa ricorda che “la stessa legge n.194 prevede inoltre una stretta sorveglianza da parte del personale sanitario cui è demandata la corretta informazione sul trattamento, sui farmaci da associare, sulle metodiche alternative disponibili e sui possibili rischi, nonché l’attento monitoraggio del percorso abortivo onde ridurre al minimo le reazioni avverse (emorragie, infezioni ed eventi fatali”). “Ulteriori valutazioni sulla sicurezza del farmaco – prosegue l’Aifa – hanno indotto il CdA a limitare l’utilizzo del farmaco entro la settima settimana di gestazione anziché la nona come invece avviene in gran parte d’Europa. Tra la settima e la nona settimana, infatti, si registra il maggior numero di eventi avversi e il maggior ricorso all’integrazione con la metodica chirurgica”.

L’agenzia del farmaco sottolinea infine che la decisione assunta dal cda “rispecchia il compito di tutela della salute del cittadino che deve essere posto al di sopra e al di là delle convinzioni personali di ognuno pur essendo tutte meritevoli di rispetto”.

Le posizioni. Da tempo la possibile immissione nell’uso ospedaliero dell’aborto farmacologico ha provocato vivaci polemiche: da un lato è stato messo in risalto – ancora ieri dal sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella – che permangono rischi di complicazioni (e morte) non ben chiariti dall’utilizzo della Ru486 e che la pillola abortiva mal si concilia con le norme della legge 194. Dall’altro c’è chi ritiene – trascurando i dati della letteratura scientifica – che il ricorso dell’aborto chimico rappresenti un progresso e si appella alla sua diffusione in Europa per invocarne l’adozione in Italia.

Nel corso della giornata si erano ripetuti gli appelli all’Aifa ad assumere una decisione ponderata e non frutto di pressioni e pregiudizi. Il sottosegretario Roccella aveva sottolineato che la pillola Ru486 è un metodo che «intrinsecamente porta la donna ad abortire a domicilio, proprio perché il momento dell’espulsione non è prevedibile», quindi in una sorta di «clandestinità legale». «Infatti – ha spiegato – se si facesse una politica di ricovero, ciò sarebbe costosissimo perché non si può capire fino a quanto tempo deve durare il ricovero stesso». Per questo, aveva sostenuto il sottosegretario, «è un metodo che intrinsecamente riporta le donne ad abortire a domicilio, in una sorta di clandestinità legale».

«Temo – aveva sottolineato la Roccella – che ci possa essere per la pillola abortiva Ru486 un peso ideologico che oscuri la sua effettiva valutazione tecnica-scientifica e anche la sua effettiva compatibilità con la legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza». Ricordato che ci sono ancora «molti lati oscuri» che vanno aldilà dei 29 morti (Eugenia Roccella è autrice di un libro sulla Ru486 dal titolo «La favola dell’aborto facile», scritto insieme con Assuntina Morresi), il sottosegretario aveva rilevato che «il sospetto è che si voglia arrivare ad una rottura della legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza grazie a una tecnica e non all’iter parlamentare».

Critico sulla pillola abortiva anche il sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano: «Quando si parla di rispetto del Parlamento e di rispetto dei diritti dei quali il Parlamento è garante, sarebbe il caso di far riferimento non solo a materie oggetto di frequenti e recenti polemiche, spesso pretestuose, come quella dell’immigrazione, ma anzitutto del fondamentale diritto alla vita. In questo momento un’istituzione tecnica come l’Aifa sta decidendo in ordine alla commercializzazione in Italia della pillola abortiva, la Ru486. Sta decidendo come se si trattasse di un qualsiasi antipiretico, e non di uno strumento funzionale a togliere la vita, sia pure allo stadio iniziale». Isabella Bertolini (Pdl) aveva lanciato quindi la richiesta all’Aifa di sospendere la decisione prima di aver chiarito «fino in fondo la pericolosità di questo farmaco». Contrario alla Ru486 si è dichiarato anche il ministro per le Politiche europee Andrea Ronchi.

Nega che ci sia un «peso politico» sulla decisione dell’Aifa l’ex ministro della Salute Livia Turco: «Ho fiducia nell’indipendenza di chi deve prendere le decisioni. D’altra parte si tratta solo della conclusione di un iter che dura da due anni». E il deputato Benedetto Dalla Vedova (Pdl), favorevole alla pillola abortiva, si augurava che l’Aifa resistesse «alle improprie pressioni politiche di quanti vorrebbero sostituire alla scienza e alla deontologia medica la discrezionalità politica». Un richiamo alla responsabilità politica veniva dalla senatrice Laura Bianconi (Pdl): «È sconcertante e anche molto preoccupante che l’Aifa decida senza aver fornito a noi rappresentanti del Parlamento italiano i dovuti chiarimenti tecnici e scientifici richiesti da più tempo in merito alla pericolosità o meno della Ru486».

Enrico Negrotti da Avvenire