Reazioni alle molestie ad opera di “giovani irresponsabili”

di Jesús Colina

ROMA, giovedì, 7 gennaio 2010 (ZENIT.org).- Uno dei più alti tribunali rabbinici ortodossi di Israele ha condannato come contrarie alla fede e alla morale le “molestie” subite da fedeli e sacerdoti cristiani, in particolare gli sputi, da parte di alcuni giovani ultraortodossi ebrei a Gerusalemme.

La condanna è stata formulata solennemente in una lettera dal Beth Din Tzedek, il Tribunale della Comunità ebraica ortodossa e la più alta istanza della comunità ebraica ultraortodossa a Gerusalemme.

Alcune settimane fa, sacerdoti non solo cattolici avevano denunciato di essere costantemente bersaglio di sputi da parte di giovani ebrei.

Padre Athanasius Macora, di origine statunitense, che guida il Christian Information Center all’interno della Porta di Jaffa, ha denunciato ad esempio nelle scorse settimane di essere stato offeso e di aver ricevuto sputi in molte occasioni da parte di giovani ultraortodossi o anche di bambini.

Anche padre Samuel Aghoyan, sacerdote armeno ortodosso, ha denunciato di essere stato colpito da sputi circa venti volte, soprattutto nel mese di novembre.

Di fronte alle numerose denunce, il Consigliere del sindaco di Gerusalemme per le comunità religiose, Jacob Avrahmi, ha promosso un incontro tra i rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e il Rabbino Shlomo Papenheim, della comunità ultraortodossa degli Haredim, per formulare una condanna degli attacchi contro i gentili.

Secondo il Tribunale, “oltre a dissacrare il Santo Nome, che già di per sé rappresenta un peccato assai grave, provocare i gentili, secondo i nostri saggi (benedetta sia la loro santa e virtuosa memoria), è proibito e può portare tragiche conseguenze sulla nostra comunità, possa Dio avere pietà”.

“Noi, quindi invochiamo chiunque abbia il potere di porre fine a questi vergognosi incidenti, attraverso la persuasione, di attivarsi per rimuovere questi pericoli, affinché la nostra comunità possa vivere in pace”, affermano i membri del Tribunale nella loro lettera, “scritta in un ebraico piuttosto originale”, come ha spiegato l’ambasciata di Israele presso la Santa Sede.

“Possa il Santissimo, che sia benedetto il Suo Nome, diffondere il tabernacolo di una vita misericordiosa e pacifica su di noi e sulla Casa d’Israele e Gerusalemme, poiché noi aspettiamo la venuta del Messia prontamente e nel nostro tempo, Amen”, conclude il documento, firmato il 30 dicembre 2009 dal Tribunale di Giustizia della comunità Haredim di Gerusalemme.