Gentile Signor Presidente del Consiglio dei Ministri : Per la malattia mentale occorre una vera politica e “ non disinteresse” !

Nell’indicare in “una vera politica” una maggiore valutazione verso la malattia mentale, un vero ed autentico flagello sociale, il mondo cattolico e della sofferenza ancora una volta ha avuto una profonda delusione per la mancata possibilità di realizzazione di quei provvedimenti legislativi concreti ed attuabili che tutelino il diritto e la dignità dei sofferenti patologie mentali.

Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, abbiamo conosciuto una amara realtà, nell’apprendere che nei 5 Punti Programmatici esposti, oggi 29 settemebre 2010, in Parlamento e né in futuro per tutto quanto avvolge questa grave “problematica”, non vi sarà quella riforma dell’assistenza psichiatrica attesa da ben 32 anni dai sofferenti, dalle famiglie e dalla gente per la propria sicurezza.

Pur ritenendo giusti quei nodi sociali caldi e lineari espressi nei 5 Punti Programmatici, non condividiamo l’esclusione, ripeto, di quella invocata legge-quadro, ripeto, inerente il disagio psichico da tempo auspicata e per la quale eravamo molto fiduciosi.

Le nostre aspirazioni, i nostri sforzi, i n/s umili “suggerimenti”, condensati in tante Petizioni al Parlamento ed al Governo tendenti ed intesi alla soluzione di questa “problematica”, malgrado siano passati moltissimi anni dalla chiusura dei “manicomi”, questo “ciclone sociale”, questo “bubbone”, questa “patata bollente” non viene risolta malgrado i  vari Governi che si sono succeduti a Palazzo Chigi, compreso il Suo Signor Presidente del Consiglio dei Ministri.

Mah! a tutt’oggi, 29 settembre 2010, non abbiamo riscontrato alcun “movimento” d’iniziativa governativa sulla “materia”, né prevediamo, ripeto, una concreta realizzazione futura.

Ricordo, in passato, che l’azione rivolta a rendere propositivi gli “interventi” dell’epoca, per quella parte riguardante la malattia mentale,( che non ebbe alcun approfondimento), fu la stesura del “Programma di Azione del Governo per le politiche dell’handicap 2000-2003 del 28 luglio 2000”, approvato dal Consiglio dei Ministri su proposta dell’allora Ministro della Solidarietà Sociale On.Livia Turco (così come si rileva dal Testo della  Presidenza Consiglio dei Ministri- Dipartimento Affari Sociali).

Lo stesso risultato si è riscontrato con l’attuale Suo Governo ! : totale disinteresse!

Intanto incombe e grava sempre il pericolo nella n/s società.

Secondo la teoria di Areteo di Cappadocia, medico greco al tempo di Nerone dopo Ippocrate fu il migliore conoscitore di malati, quasi 2000 anni or sono evidenziò il fatto che la malattia mentale “esplodeva” :

– nei mesi primaverili ed estivi come quelli più propensi per l’instaurarsi della sintomatologia maniacale;

– nei mesi invernali quelli in cui è facile vedere insorgere la sintomatologia depressiva.

Oh! quanto sono valide le previsioni degli “antichi”, che ancora oggi, purtroppo, si avverano !

Un’autentica “lezione”, una prevedibile “attenzione”, un chiaro “monito” che la nostra società, soprattutto le n/s Istituzioni dovrebbero tenere nella massima considerazione.

A distanza di tempo e malgrado, ripeto, avvenimenti”e “tragedie familiari” quasi quotidiane, ancora una volta dobbiamo constatare che la politica non vuole integrare i sofferenti problemi psichici nei privilegi della società, né iniziare un processo di rinnovamento.

Solo litigi, disinteresse, sconnessa e dissociata politica.

Si dimentica, non a caso, che in questa ottica fino oggi i “malati” sono stati ignorati, non considerando le oggettive difficoltà incontrate dagli stessi e dalle famiglie ingannate ed illuse da qualche pseudo promessa elettorale, di qualche coalizione politica, di trasformazione di questa “problematica”. Purtroppo nessun vantaggio è pervenuto per questi sofferenti, per le loro famiglie ed a garanzia della sicurezza dei cittadini.

E poi si dice che la politica, sopratutto i politicanti difendono la famiglia( ma quale famiglia) ed il bene dell’Italia ( non certo quella delle oneste persone!!!).

Non mi stanco di ritenere che lo scandalo dei “manicomi” prima e la carenza di pianificazione e programmazione della salute mentale dopo, costituiscono la vergogna del secolo scorso e la pacifica continuazione in questo “duemila.”.

Quanti sono responsabili della salute pubblica devono trovare e dare un urgente aiuto a questi malati (circa 10 milioni di sofferenti), dei quali tanti si trovano per le strade delle n/s città e tantissimi nelle loro famiglie dove non possono ricevere l’aiuto legislativo- sociale- economico e di quei strumenti efficaci per difendere l’elementare diritto all’accesso alle cure e all’equità nella salute, nel pieno rispetto della loro integrità e dignità.

Malgrado le “buone intenzioni ed i sagaci suggerimenti”, come al solito, ripeto, finisce il tutto con quelle belle illusorie parole della politica, trionfo dell’ipocrisia, senza passare a leggi appropriate da dove possono scaturire vere e valide soluzioni.

Altrimenti, Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, sarebbe come cospargere di miele l’orlo del calice delle parole per trovare in fondo l’amaro della delusione.!

A noi poveri mortali ( non facciamo politica dì alcun genere!) resta solo sperare che il modus vivendi in atto della politica, ( che oggi “dice” e domani il “contrario” di quello che ha detto ) , comporti e susciti l’interesse di qualche Istituzione su una situazione paradossale, nel contempo ridicola ed offensiva, che costituisce una lesione allo spirito di solidarietà e di altruismo della pubblica opinione.

Signor Presidente del Consiglio dei Ministri : la famiglia italiana è turbata, indignata, preoccupata e non può che esprimere la sua protesta, il suo dissenso e rammarico per come e con quale disinteresse non vengono risolti tali problemi sopra esposti e di enorme rilevanza che investono e coinvolgono la serenità della famiglia stessa e per la sicurezza dei cittadini.

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

29 settembre 2010