MILANO – Un team di ricercatori dell’università di Newcastle è riuscita a produrre embrioni umani con il Dna di tre persone, due madri e un padre, per prevenire la trasmissione di malattie genetiche ereditarie incurabili al nascituro. Secondo quanto riferisce il Times l’equipe del professore Doug Turnbull è riuscita eliminare i mitocondri (i generatori dell’energia della cellula) difettosi dei genitori trasferendo il loro Dna ‘ripulitò in un ovocita sano fornito da una donatrice. Secondo Turnbull il primo bambino con tre genitori biologici potrebbe essere concepito entro tre anni. (AGI)


14 aprile 2010

© Copyright Corrriere della Sera 14 aprile 2010