di Benedetta Frigerio da www.tempi.it

Barack Obama ha assicurato che porrà il veto sul disegno di legge che mira a impedire l’aborto oltre le 20 settimane 

obama changeIl presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato che se passerà la legge al vaglio del Parlamento che impedisce l’aborto oltre le 20 settimane, userà il suo potere di veto per fermarla. Questo, nonostante il dibattito negli Usa sia acceso, in seguito al processo al medico abortista Kermit Gosnell, quello a Douglas Karpen e dopo i numerosi video che mostrano la realtà efferata dell’aborto nelle cliniche americane e le testimonianze portate alla Camera di bambini nati vivi dalla 21ma settimana in poi e lasciati morire.

LA LEGGE. Il disegno di legge, introdotto dal repubblicano Trent Franks, chiede la limitazione dell’aborto sulla base dei dati scientifici che provano che fin dalle prime settimane dal concepimento il bambino prova dolore. Obama da senatore dell’Illinois aveva già osteggiato un disegno di legge che mirava a salvare i bambini sopravvissuti all’aborto ma non ha mai voluto commentare né il disegno di legge né le notizie uscite sugli orrori commessi nelle cliniche americane.

«LA DONNA DEVE SCEGLIERE». Ieri sera, invece, ha espresso pubblicamente il suo pensiero: la legge di Franks «non vedrà mai la luce del sole» perché «le donne devono poter fare la propria scelta sui loro corpi e la loro salute». In questo senso, la legge sarebbe «un assalto al diritto di scelta della donna». Neanche una parola per il diritto alla vita dei 55 milioni di bambini abortiti in America da 40 anni a questa parte, quando l’interruzione di gravidanza è stata resa legale.