MILANO – Il loro è stato un amore a prima vista. Pearl Carter e Phil Bailey, rispettivamente 72 e 26 anni, sono nonna e nipote e la loro storia sta seriamente imbarazzando l’opinione pubblica della Nuova Zelanda. Questa singolare vicenda, raccontata in anteprima dal tabloid neozelandese New Idea, ha fatto rapidamente il giro del mondo ed è  stata ripresa dalle riviste più pruriginose del pianeta. I due «fidanzatini» giurano che il loro affetto è autentico e non si sono fermati neppure davanti alla minaccia del carcere. Con la pensione di lei, hanno pagato 54 mila dollari neozelandesi (circa 30 mila euro) per comprare un ovulo, farlo fecondare con lo sperma di Phil e trovare una donna che se lo facesse impiantare nel proprio utero e portasse avanti la gravidanza surrogata per poi dare il bambino alla coppia.

AMORE A PRIMA VISTA – In realtà nonna Pearl, originaria dell’Indiana (Usa) e il giovane Phil si sarebbe incontrati per la prima volta solo quattro anni fa, dopo che Lynette, la madre del ventiseienne, sarebbe morta dopo una lunga e atroce malattia. Pearl infatti avrebbe partorito la figlia Lynette quando aveva solo 18 anni e contro la sua volontà: i suoi genitori, molto cattolici, non vollero che abortisse e subito dopo il parto costrinsero la neomamma a dare in adozione la bambina. Lynette cresce in una nuova famiglia e nel 1983 dà alla luce Phil. Quando quest’ultimo compie 18 anni, sua madre Lynette gli dà due notizie sconvolgenti: la prima è che lei è stata adottata quando era ancora in fasce. La seconda è che ha un tumore al cervello. Il giovane Phil è sconvolto e sta vicino alla mamma per tutto il tempo della malattia. Ma tenta di rintracciare la nonna affinché Lynette possa rivedere almeno un’altra volta il volto della madre prima di morire. Tuttavia Lynette muore prima che Phil riesca a rintracciare la nonna. Phil continua le ricerche e finalmente conosce la signora Pearl. È amore a prima vista e dopo vari incontri i due decidono di andare a vivere insieme.

L’AMORE E LA VOGLIA DI UN FIGLIO – Alla rivista neozelandese la nonna dichiara di non provare alcuna vergogna per ciò che è successo: «Le opinioni degli altri non mi interessano. Sono innamorata di Phil e anche lui mi ama. Presto avremo un bambino tutto nostro e Phil sarà un ottimo padre». La settantaduenne ricorda con piacere il loro primo incontro: «Dal primo momento in cui l’ho visto, mi sono sentita sessualmente viva». Ma la relazione vera è nata dopo due settimane: «Una sera abbiamo cenato e bevuto vino. L’ho fatto entrare nella mia stanza da letto e l’ho fatto sedere. Poi l’ho baciato. Mi aspettavo un rifiuto, ma il bacio è stato contraccambiato». Il ventiseienne conferma: «Volevo baciarla ancora. Ero completamente sedotto da lei. Oggi amo Pearl con tutto il mio cuore. Sono sempre stato attratto da donne più anziane di me e credo che Pearl sia davvero una donna unica. Ora desidero diventare padre e non voglio aspettare». Qualche mese fa i due innamorati hanno pubblicato un annuncio sui giornali locali per trovare un donna disposta ad affittare il suo utero. All’annuncio ha risposto la trentenne Roxanne Campbell, che ai media locali ha dichiarato: «All’inizio quando ho conosciuto la loro storia, ero sconvolta. Ma poi ho potuto costatare che si tratta di una bella coppia che si ama veramente. Sono certa che il bambino riceverà tanto affetto».

Francesco Tortora
02 maggio 2010

© Copyright Corriere della Sera