di Benedetta Frigerio da www.tempi.it

Parla la madre del piccolo le cui foto stanno girando il web. 

neonato 19 settimane 1Proprio mentre negli Stati Uniti alla Camera passava il disegno di legge per vietare l’aborto oltre la 20esima settimana, le immagini di Walter, nato vivo a 19 settimane e 3 giorni, hanno fatto il giro del web. Una nascita davvero inusuale, su cui i medici stanno ancora indagando. La madre, Lexi Fretz, ha detto di «pregare il Signore di continuare a utilizzare le foto di Walter per incontrare molte altre persone». La donna ha deciso di raccontare quanto le è successo. Un racconto dettagliato, a tratti angosciante, di un travaglio in ospedale in cui non le è mai mancato l’affetto e la vicinanza del marito Josh. Cosa che non si può dire dei medici e degli infermieri, che chiamavano quel suo figlio in pancia «il feto» («e a me – ha raccontato Lexi – veniva voglia di schiaffeggiarli»).

FETO O BAMBINO? Un bambino – perché a un certo punto anche i medici hanno iniziato a usare questo termine – di quell’età non poteva avere molte speranze di vita. Nato alle 21.42, è stato subito messo nelle braccia della madre. «Ho pianto così tanto, ma lui era perfetto», ha raccontato Lexi. «Era completamente formato, era tutto lì. Ho potuto vedere il suo cuore che batteva nel suo piccolo petto. Josh e io lo tenevano in braccio e piangevano su di lui guardando il nostro perfetto, piccolo figlio». Intorno a Lexi ha cominciato a formarsi un capannello di persone: medici, infermieri, familiari. Tutti ad ammirare quel piccolo miracolo. «Hanno pregato con me, con me hanno pianto ed erano lì a rispondere a ogni mio bisogno. Così, pur in un momento di grande dolore, mi sono sentita amata da tutti».
Il piccolo rimane coi genitori fino a spegnersi. Momenti dolorosi, ma che Lexi assicura essere importanti: «Ho il cuore spezzato, avendo saputo delle storie di persone che non sono state autorizzate a vedere il loro bambino. Sarebbe stato devastante per me! Lo tenevo, lo coccolavo mentre il suo cuore batteva. L’ho stretto al mio cuore, gli ho contato le dita dei piedi e gli ho baciato la piccola testa. E ora custodirò per sempre questi ricordi di lui».

neonato 19 settimane 3«NON SO PERCHE’ MA…». La donna è ancora sconvolta da quante persone abbiano visto e commentato le foto di suo figlio e dal fatto che «nella sua breve esistenza, di soli pochi minuti, ha toccato più vite di quante avrei mai potuto immaginare. Ho ricevuto messaggi da persone di tutto il Paese che hanno sperimentato una perdita o sono state toccate dalla sua storia. Ho anche saputo di un paio di persone che hanno usato le sue foto per aiutare una donna che stava male e che stava pensando all’aborto».
Lexi sa bene che anche se «non capisco perché il Signore lo ha portato subito a casa», quelle foto dicono che, «anche se non possiamo vederle il bambino in grembo, non vuol dire che lui è un grumo di cellule. Walter era perfettamente formato e si muoveva nel grembo materno». Non solo, «potrò anche non capire fino in fondo perché, ma resta il conforto di sapere dove si trova e che lo vedrò ancora. Per ora, è con suo Padre celeste che lo ama immensamente più di me, la sua mamma terrena». E comunque, conclude Lexi, sono grata che qualcosa di buono stia nascendo da tutto ciò. Per questo, «prego il Signore di continuare a utilizzare le foto di Walter per incontrare molte altre persone».