Succede anche questo. In India, nello stato orientale di Jharkhand, una ragazzina di dodici anni è stata costretta a sposare un  cane, per liberarsi dagli spiriti maligni. Una motivazione da far invidia agli aruspici latini. Il leader religioso locale, Naresj Manki, ha spiegato che il matrimonio è stato deciso dopo che alla ragazzina sono spuntati alcuni denti in più, cosa che è considerata di cattivo auspicio non solo per lei, ma anche per la sua famiglia e l’intera società.
Cosa fare allora? L’unico modo per salvarla dagli spiriti maligni era farla sposare con un cane. Un matrimonio in grande stile, al punto che per la piccola Soni, definita (molto carinamente) “manglik”, vale a dire maledetta per il matrimonio da un punto di vista astrologico, è stato organizzato anche un banchetto di nozze. Auguri.

di Gaia Pandolfi dal Foglio