dal vangelo secondo Lc 21,12-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome. Questo vi darà occasione di render testimonianza. Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere. Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e metteranno a morte alcuni di voi; sarete odiati da tutti per causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà. Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime”.

IL COMMENTO di don Antonello Iapicca

Tutta la nostra vita è una magnifica occasione. Permeata di Grazia, ogni nostra parola può sgorgare dalle stesse labbra di Dio. Ovunque e in ogni circostanza, tutto di noi e della nostra vita è l’occasione di una testimonianza. Siamo martiri, sempre in trincea. La nostra vita è uno specchio dove l’amore di Dio ha scelto di rifrangersi per la salvezza d’ogni uomo. Non v’è un istante della nostra vita, non v’è un aspetto, anche il più nascosto e segreto, che non sia irripetibilmente importante.

La perseveranza, rimanere abbandonati nel Suo amore, è la chiave che apre la nostra vita al proprio compimento. Essa è come una saetta che preannuncia un temporale. La verità sfregia irreparabilmente la menzogna e ne svela l’effimera sostanza. Dove ha messo radici la menzogna, la verità nel suo incedere crea sconquassi, rompe equilibri acquisiti, l’agognato quieto vivere se ne va a carte e quarantotto. Perseverare, dal latino per – a lungo – e severus – rigoroso. La perseveranza è una virtù per la quale, dice San Tommaso d’Aquino, è necessaria la Grazia santificante, come tutte le “virtù infuse”. Essa ci viene data attraverso un cammino di conversione lungo e severo, rigoroso. La perseveranza si impara sperimentando i frutti del combattimento.

La vita che ha preparato il Signore per noi non è propriamente una vita di pace, quella dell’elettroencefalogramma piatto, dell’assenza di conflitti. Gesù ci ha lasciato una pace diversa da quella soffice e avvelenata del mondo. La pace del mondo stringe in un abbraccio mortale, narcotizzando a poco a poco la vita sino a renderla insopportabile, mentre la pace del Signore è il frutto della sua personale guerra vittoriosa con il demonio e con la morte. La pace di Cristo è quella che ci traghetta dentro le persecuzioni che si scatenano in noi e contro di noi dai rantoli del mondo, della carne e del demonio.

“Anche noi dunque, circondati da un così gran numero di testimoni, deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, tenendo fisso lo sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede” (Eb. 12, 1-2). La perseveranza è l’attitudine dell’amore. Essa è, essenzialmente, tenere fisso lo sguardo su Cristo, come un atleta fissa il traguardo, anche quando non lo può ancora vedere con gli occhi della carne. Se non c’è traguardo non c’e amore, e quindi neanche la perseveranza. Per tagliare un traguardo si superano gli ostacoli, si soffre, ci si sacrifica, si combatte. Quando nella vita viene a mancare lo scopo, il telos, il compimento, tutto diviene pesante, svuotato di senso, e la carne, il mondo e gli inganni del demonio prendono facilmente il sopravvento. Così ad esempio nello studio, o nei rapporti con le persone amate, gli amici, i fidanzati, gli sposi. Tutto è una corsa, un agôna, una lotta nella quale tenere fisso lo sguardo su Gesù nell’altro: questa è la chiave. Il traguardo di ogni mia parola, di ogni pensiero, di ogni azione è Cristo, è l’affermazione e la vita di Lui in chi mi è di fronte, come anche nelle cose che faccio, nello studio, nel lavoro, nelle faccende domestiche, nello svago. Perseverare nelle fiamme della fornace ardente significa non smettere di contemplare il volto di Cristo, l’unico che è insieme autore e perfezionatore; fissare Colui che ha dato forma e vita a chi ho dinanzi, alla mia attività, e che, solo, può portare a compimento, al traguardo, al destino per il quale tutto è dato. Se il traguardo è Cristo, fissando Lui contemplo anche il mio tagliare il traguardo, perchè in Lui il destino è già compiuto. Non batto l’aria, come dice San Paolo, perchè il mio traguardo non consiste in qualcosa di corruttibile, ma è la corona che Gesù ha conquistato per me.
Trattare duramente il proprio corpo per ridurlo in schiavitù, la perseveranza unita alla temperanza che fa combattere contro le concupiscenze e l’avidità idolatrica, non è un masochismo per privarsi di qualcosa di bello e buono; è invece l’abito di chi fissa Cristo, di chi ama anelando all’autenticità, al destino eterno, al desiderio più profondo del proprio cuore. E’, secondo l’accezione di perseverare che si trova in Omero, “rimanere indietro, arrestarsi e non deviare, tenere duro, resistere” per non cadere e dimenticare il traguardo. Ma è anche attesa, un protendersi come quello di una corda tesa, qaw in ebraico, da cui qawāh (aspettare, sperare) tradotto dalla versione greca della LXX  proprio con hypomonê – perseveranza. Perseverare è dunque vivere in una tensione carica di attesa, l’amore che desidera il ben dell’altro in tutto, il compimento della Verità in ogni momento, e per questo il cuore e la mente sono sempre desti, fissi su Cristo. Se fisso Lui nella fidanzata, persevero nell’amore, perchè non mi perdo in quello che, in lei, non c’entra con Lui; e così posso portare il peso dell’odio di quella parte dell’altro e di me che non c’entra nulla con Cristo. Senza preoccuparsi di nulla, perchè per chi ha il cuore retto, perseverante, lo Spirito Santo provvederà a tutto, a parole colme di sapienza, capaci di resistere ai sofismi della carne. Parole spirituali, che non cadono nel sentimentalismo, nella gelosia, nell’invidia, buone solo per ferire e mostrarsi indifesi; parole e pensieri dettati dalla Sapienza della Croce, capace di dare ragione, e perseverare in essa, degli atteggiamenti santi ispirati dallo Spirito Santo. E’ Lui che ci fa stare saldi nella castità, nella verità che rifugge l’ipocrisia, nella sobrietà e nella purezza. E’ Lui che persevera in noi, che ci attesta che nessun capello del nostro capo perirà, e che tutto di noi è custodito per essere trasfigurato e consegnato a Cristo. Scriveva San Benedetto nella sua Regola: “Come c’è uno zelo amaro che allontana da Dio e conduce all’inferno, così c’è uno zelo buono che allontana dai vizi e conduce a Dio e alla vita eterna. È a questo zelo che i monaci devono esercitarsi con ardentissimo amore: si prevengano l’un l’altro nel rendersi onore, sopportino con somma pazienza a vicenda le loro infermità fisiche e morali… Si vogliano bene l’un l’altro con affetto fraterno… Temano Dio nell’amore… Nulla assolutamente antepongano a Cristo il quale ci potrà condurre tutti alla vita eterna” (capitolo 72). La perseveranza di cui parla il Signore è un combattimento intriso d’amore, per non anteporre nulla a Lui, assolutamente.

Da questo assoluto scaturisce l’odio! Non possiamo far finta che non esista in un buonismo che uccide. Il Signore non fa giri di parole: “Chi non odia … non può essere mio discepolo”; l’odio è l’altra faccia dell’amore, e la perseveranza nell’amore ci rende paradossalmente oggetto di odio da ciò che il nostro amore non abbraccia, anzi, da ciò che è raggiunto dal nostro stesso odio. Chi è amico del mondo è nemico di Dio. L’amicizia di Dio che ci ha raggiunti, e coinvolti in un cammino di reale conversione alla Verità, al Bello, al Buono, sovverte ogni dato acquisito nella nostra esistenza spesa a mettere faticosamente a posto, tra un compromesso e un’impennata d’orgoglio, ogni tessera del mosaico. Chiaro che tutto si ribelli, si rivolti contro Chi tenta di rimettere le cose nel proprio ordine autentico. Siamo quindi traditi da chi si sente da noi tradito. Da chi è sconvolto dalla Verità che ci fa liberi. Siamo tacciati di integralismo e fondamentalismo, perchè abbiamo incontrato l’integrità della vita abbandonando la dissipazione, il fondamento che resiste alla dissoluzione. E siamo messi a morte, dai parenti, i più stretti, i più vicini. E forse dovremo salutare gli amici più cari, tagliare con il fidanzato, opporre una ineludibile durezza a nostro figlio. Saremo odiati anche dal nostro stesso uomo vecchio, quello che si corrompe dietro alle passioni ingannatrici, spesso vestite di luce, come lo studio, il lavoro, gli affetti.

Odiati da tutti. Esattamente come il nostro cuore ha sempre orgogliosamente odiato tutti e tutto, quando questi ci hanno sconvolto l’esistenza annunciandoci, con un fatto o una parola, la verità. Ma la Verità, Cristo, è il compimento della nostra vita. La sua pienezza qui ed ora è la Verità che si traduce in libertà. Per questo saremo consegnati ai tribunali, ai parenti, agli amici, ai colleghi di lavoro, a chiunque incontreremo. Perchè in noi sarà consegnato Cristo. La nostra vita sconvolta e rovesciata dal suo amore come un cassetto ricolmo di oggetti da buttare, ci è donata per sconvolgere, per essere un segno di contraddizione. Nulla è per caso. Ogni persona che appare al nostro orizzonte non è un incontro fortuito, ma un dono di Dio per il quale noi stessi, e Lui in noi, siamo dono. Spesso un regalo rifiutato e odiato. Sì, saremo odiati perchè il mondo sia salvato. E sarà odio benedetto perchè sarà odiato Cristo in noi, e si incarnerà e svelerà la sua Croce che salva, la maledizione che dona la vita. Il suo sangue “ricaduto” sui suoi assassini come un lavacro di misericordia e di rigenerazione. Il suo mistero d’amore e di salvezza vivo e attuale sacramentalmente in noi.

Questo sono, ovunque e nel corso dei secoli, la Chiesa e i suoi figli: “sacramento di salvezza”, una fornace che, prendendo l’odio e il peccato su di sé, lo distrugge nella misericordia, per donare in cambio il perdono e la Vita nuova ed eterna. Questo siamo noi, odiati e rifiutati in questo mondo per servire e salvare la generazione che lo abita. La nostra vita è la carne di Cristo offerta ad ogni uomo. Con amore infinito, come Stefano, il nostro sguardo fisso su Cristo e il volto come quello di un angelo, testimone dell’amore contemplato e sperimentato.