di Don Antonello Iapicca

Nulla. E’ passata ormai questa domenica 27 dicembre 2009 e, aprendone i siti web, scopriamo che per i media non è successo assolutamente nulla. Più di un milione di persone, centinaia di migliaia di bambini, famiglie d’ogni angolo d’Europa nel gelo di Madrid. Nulla. Esattamente come duemila anni fa a Betlemme. Il mondo non ha occhi, anzi non vuole averli, e li chiude. Bene, è esattamente quello che ci aspettavamo. E’ il fallimento mediatico il segno incontrovertibile del successo dell’evento. Perchè le cose di Dio sono così. Non destano interesse mediatico, non cercano palcoscenici mondani. Le cose di Dio sono. Come Egli è Colui che è, e basta. Il suo essere oltre la morte che erode ogni vanità sostiene l’universo e la vita di ciascun uomo. Come la famiglia cristiana apparsa viva, serena e felice a Madrid. Esiste, è, e questo basta. La Chiesa risvegliata da quest’impeto di gioia è lì, in cima al monte, sul candelabro, e illumina la notte del mondo.

Ed è scritto che il mondo preferisca le tenebre, rifiuti l’evidenza dell’amore di Dio, sfugga alla verità. Per questo, paradossalmente, proprio l’umano fallimento di un evento eccezionale silenziato ad arte, ne decreta il successo. Perchè il successo di Dio passa per il fallimento umano. Così Dio illumina le tenebre, come duemila anni fa nella notte di Betlemme, e come poi, dopo trent’anni in un sepolcro di Gerusalemme, ha squarciato di luce il nero della morte. Il successo di Dio infatti è smascherare e annientare la menzogna annunciando e compiendo la verità. E’ l’abbondanza del peccato a far sovrabbondare la Grazia. Dio ama, e Madrid oggi grondava amore
Gli organizzatori lo avevano ripetuto: non è una manifestazione contro, è una pura testimonianza, innanzi tutto per la Chiesa e poi per l’Europa che sta abbandonando la fonte della della vita e uccidendo la famiglia. Così è stato. Eccole allora le famiglie che Dio ha donato alla Chiesa e al mondo. Eccole a costruire le cattedrali del Terzo Millennio, allineando, non già mattoni di pietra come fecero i poveri nel medioevo, ma le pietre vive, i figli della Grazia, i frutti dell’Humanae Vitae compiuta in obbedienza alla Chiesa. Eccole le famiglie unite, e sane, e feconde secondo la volontà d’amore di Dio. Eccole a risplendere nell’oscurità di quest’Europa. Eccole a Madrid, ritornare oggi esattamente dove quarantacinque anni fa ebbe inizio la loro avventura.
Molti dei papà e delle mamme oggi presenti a Madrid nascevano in quegli anni sessanta, quando, tra gli zingari delle baracche di Palomeras Altas alla periferia della stessa Capitale spagnola, Kiko Argüello, un giovane pittore, e Carmen Hernandez, una ragazza colma di zelo missionario, afferrati dallo Spirito Santo, davano inizio al Cammino Neocatecumenale. Nulla immaginavano questi due ragazzi di quello che sarebbe accaduto. Ma sapeva tutto Dio. Infatti, mentre a Roma lo Spirito soffiava sul Concilio Ecumenico Vaticano II, e mentre Paolo VI, solo e e assediato, firmava l’Humanae Vitae, l’Enciclica più profetica, Dio stesso, tra quelle baracche di Madrid, si stava preparando un resto fedele, il popolo nel quale, assieme a tanti altri fermenti e movimenti donati alla Chiesa, avrebbe poi compiuto quanto andava ispirando alla sua Chiesa. L’annuncio del Kerygma, la Buona notizia della vittoria sulla morte di Gesù Cristo, si incarnava nelle vite disastrate di quegli zingari e i fermenti del rinnovamento liturgico si realizzavano nelle celebrazioni vive e vivificanti di una comunità cristiana che andava apparendo tra quelle baracche. Ma nulla lasciava presagire il terremoto di bene che lo Spirito Santo, in quel fazzoletto di mondo, avrebbe scatenato nella Chiesa e nei cinque continenti. Come a Betlemme, come in quella tomba a Gerusalemme, come oggi a Madrid. Lì, tra i poveri più poveri, lontano dai riflettori, Dio stava gestando un cammino di conversione, un’iniziazione cristiana nella forma di catecumenato che ha raccolto milioni di poveri e piccoli in tutto il mondo, i lontani dalla Chiesa, i peccatori incalliti, i pagani e i neopagani, e quanti han sofferto famiglie distrutte, gli alcolizzati, i drogati, i perduti dentro vite senza senso. Attraverso il Cammino Neocatecumenale, la Chiesa li ha poi gestati alla fede, e Dio ne ha ricostruito vite e famiglie riconsegnando dignità perdute. Soprattutto, è apparsa la comunità cristiana capace di testimoniare, nella vita reale e quotidiana, i segni di una fede adulta, l’amore e l’unità. In essa si salvano e formano le famiglie; in essa sono sostenute nel combattimento, specie quello sostenuto dai figli assediati da ogni dove. Nella comunità si impara a trasmettere la fede alla seguente generazione. Per questo, se Il futuro dell’Europa passa per la famiglia, il futuro della Chiesa passa per la comunità cristiana. E qui il nucleo di vita nascosto della manifestazione di oggi, gravida di frutti che neanche possiamo immaginare.
La vittoria di Cristo ha donato vita eterna a queste famiglie, come ha detto Kiko durante l’incontro. In questa vita più forte della morte e del peccato i genitori han superato l’egoismo aprendosi alla vita che ha zampillato figli come gocce d’oceano. Per questo sono accorsi per testimoniare la fedeltà di Dio alle sue promesse e dire oggi alla Chiesa e al mondo: “Eccoci, io e i figli che Dio mi ha dato” (Is. 8,18).
Così, come tanti anni fa lo furono gli iniziatori, i figli dei poveri liberati di Palomeras son tornati tra i poveri di questo popolo europeo privato di vita, gioia e dignità. Da qui, da dove è germinato il Cammino Neocatecumenale, può ripartire l’Europa, dalla famiglia cristiana curata e amata dalla Chiesa.
Il silenzio attorno, l’apparente irrilevanza mondana, mediatica e politica di questo concretissimo essere di Dio in questa Europa, è la notte che presagisce il miracolo più umile e fecondo, il segno dato a noi tutti. A Betlemme fu un bimbo adagiato in una mangiatoia, e Maria e Giuseppe, una famiglia riparata in una grotta a donare al mondo la Vita e l’amore che non muoiono. Oggi a Madrid, il presepe d’Europa, Dio ha rinnovato lo stesso segno: queste famiglie e i loro bambini deposti nella greppia di questa società. E’ questa la Parola fatta carne che Dio ha voluto donare agli uomini di questo tempo, affinchè, come diceva il Papa nell’omelia della notte di Natale, possa essere guardata e così plasmare un cuore di carne capace di amare. Queste famiglie sono oggi la speranza visibile che Dio ci dona: “Quando vediamo Lui, il Dio che è diventato un bambino, ci si apre il cuore. Nella Notte Santa Dio viene a noi come uomo, affinché noi diventiamo veramente umani”. Così Dio si è mostrato oggi all’Europa perchè l’Europa apra il cuore; così continuerà a mostrarsi, nei volti e nelle storie sante di queste famiglie, dei loro figli, perchè ogni uomo possa ritornare ad essere umano, per formare famiglie umane, ad immagine della Trinità, famiglia divina dalla quale tutti siamo nati e nella quale tutti attingiamo forza, vita e gioia.