Il ministro egiziano che tiene le mogli velate ma fa “avance” in tv alla giornalista. E in Kenia, mentre si condannano le offese a Maometto, si uccide un bimbo cristiano

di Magdi Cristiano Allam
Tratto da Il Giornale

Che cosa non ci combina la paura dell’islam! Ora scopriamo che il film su Maometto che avrebbe scatenato la furia dei musulmani non esisterebbe proprio, che il promo diffuso su Youtube sarebbe un falso, mentre sono assolutamente veri il centinaio di morti, le migliaia di feriti, la distruzione di ambasciate, chiese, case e negozi in tutto il mondo.

Così come scopriamo che gli strenui paladini dell’islam che ci siamo affrettati a difendere deprecando l’offesa alla sacralità del Corano e all’onore di Maometto, sono degli emeriti ipocriti che predicano bene e razzolano male se ad esempio restano irretiti dal fascino di una bella donna. Peggio ancora ci siamo impegnati, firmando come Unione Europea una dichiarazione congiunta con Organizzazione della Cooperazione Islamica, Lega Araba e Unione Africana, a considerare l’offesa all’islam come reato perseguibile sul piano del diritto internazionale, come fosse un crimine contro l’umanità per cui si può essere arrestati, giudicati e condannati dal Tribunale Internazionale dell’Aja.

Che orrore! Per paura l’Europa è diventata l’epicentro mondiale dell’islamicamente corretto, al pari di qualsiasi altro Paese islamico! La paura dell’islam ci porta a mistificare la realtà per prevenire ulteriori reazioni violente da parte dei terroristi e a legittimare come interlocutori credibili i predicatori d’odio contro gli ebrei, i cristiani, le donne, gli atei, gli omosessuali, gli infedeli, gli apostati, la democrazia, la libertà, l’insieme della nostra civiltà. Tutti i 79 attori e tecnici che hanno partecipato al film «L’innocenza dei musulmani» hanno sporto denuncia contro il produttore Nakoula Basseley Nakoula, cristiano copto di origine egiziana, che si sarebbe inventato il nome di Sam Bacile indicato come un registra ebreo, sostenendo di essere stati oggetto di un colossale raggiro. Tutti i 79 attori e tecnici dicono che avrebbero girato un film di avventura e che le loro voci sarebbero state modificate in fase di doppiaggio inserendo dei contenuti diversi. Addirittura il film non esisterebbe proprio, non sarebbe mai stato montato né sarebbe mai stato presentato, ad eccezione del promo di pochi minuti diffuso su Youtube. L’attrice Cindy Lee Garcia, che nel film recita il ruolo di una moglie di Maometto, è stata minacciata di morte, ha perso il lavoro ed è costretta a vivere in clandestinità. Nakoula è stato arrestato e risulta avere problemi con la giustizia per frode bancaria. È possibile raggirare 79 persone facendo loro girare un film d’avventura e poi trasformarlo in fase di doppiaggio dell’audio in un film su Maometto? È possibile che il film non esista proprio e che sarebbe stato girato solo il promo quando abitualmente prima si gira il film e poi si elabora il promo?

Tutto è possibile nel nome dell’islam! Se la dissimulazione è legittimata dal Corano per salvaguardare la fede dalla minaccia del nemico, noi europei li abbiamo decisamente superati nella mistificazione della realtà per salvare la pelle! Quanto siano ipocriti ce lo dice anche il ministro dell’Informazione egiziano Salah Abdel Maksud, esponente dei Fratelli musulmani. All’inizio di un’intervista trasmessa in diretta dalla rete Dubai Tv, alla bella intervistatrice vestita all’occidentale e con il capo scoperto, il ministro ha manifestato un interesse sessuale dicendole con un sorriso accattivante: «Spero che le domande non siano così calde come te». Sbalordita da quell’allusione sessuale, la conduttrice dalla chioma bionda ma dalla personalità forte gli ha risposto con fermezza: «Le mie domande sono calde, io invece sono fredda».

Anche ieri, così come è ormai è prassi la domenica, i terroristi islamici hanno attaccato una chiesa evangelica in Kenya uccidendo un bambino e ferendo altri tre. In Bangladesh ben 25 mila musulmani hanno incendiato cinque templi buddisti e centinaia di case nella città di Ramu e nei villaggi circostanti, come reazione alla pubblicazione sul profilo Facebook di un ragazzo di una foto del Corano in fiamme giudicata blasfema.

Abbiamo a che fare con una realtà di terrorismo islamico che uccide e saccheggia, eppure l’unica cosa che ci preoccupa è assecondare i nostri carnefici. Ad oggi nessun governo europeo ha ritenuto di dover prendere dei provvedimenti nei confronti del ministro delle Ferrovie pachistano, Gulam Ahmad Bilor, che ha offerto una taglia di 100. 000 dollari per uccidere il produttore del film L’innocenza dei musulmani. Il messaggio è che siamo talmente succubi dell’ideologia dell’islamicamente corretto che accettiamo di legittimare e di accreditare come referenti internazionali anche i terroristi, i loro apologeti e chi li finanzia. La paura ci ottenebra la mente e ci degrada l’anima al punto che siamo pronti a mistificare la realtà pur di assecondare il nemico dichiarato della nostra civiltà. Vinciamo la paura almeno qui a casa nostra!