Avviata una campagna per legalizzare il suicidio assistito in Australia

MELBOURNE, lunedì, 11 ottobre 2010 (ZENIT.org).- Monsignor Denis Hart, Arcivescovo di Melbourne, ha diffuso giovedì una dichiarazione in cui mette in guardia i suoi fedeli su una nuova campagna che mira alla legalizzazione dell’eutanasia da parte dell’Assemblea federale in Australia.

Il presule esprime la totale opposizione dei cattolici a questo progetto, ricordando che l’eutanasia “è contraria all’assistenza medica” e “rappresenta l’abbandono delle persone anziane alla morte”.

“I difensori dell’eutanasia e del suicidio assistito stanno montando una nuova campagna per un cambiamento di ampia portata nelle leggi sull’eutanasia e sul suicidio assistito di Victoria”, avverte monsignor Hart, constatando una strategia che ricorda casi precedenti, come la legge sull’aborto.

“Nel caso di queste leggi c’erano poco tempo o poche opportunità per la consultazione pubblica, il dibattito o la riflessione, e i provvedimenti sono stati introdotti in Parlamento dal Governo sulla base per cui non sarebbero state permesse modifiche”, spiega.

Il presule ricorda che già nel 1996 è stato permesso un “breve esperimento” nel Territorio del Nord, dopo il quale tutte le proposte di legge presentate in Australia sono state respinte.

“Quando i parlamentari si prendono del tempo per dibattere il tema completamente e considerarne tutte le conseguenze, si rendono conto che la depenalizzazione dell’eutanasia e del suicidio assistito metterebbe in pericolo la vita di altre persone vulnerabili”, sottolinea monsignor Hart.

L’impatto di una legge di questo tipo sarebbe enorme: “persone che saranno particolarmente vulnerabili sentiranno di essere un peso per gli altri”.

“L’esperienza dei Paesi Bassi conferma fino a che punto questa mentalità si possa diffondere con la pressione per aumentare la portata della legge, perché includa non solo le persone con malattie terminali e sofferenze insopportabili, ma anche quelle che soffrono di depressione, quelle che non hanno la capacità di prendere decisioni autonomamente e perfino i bambini”.

In questo senso, il presule rivolge un appello ai politici, ai professionisti sanitari e soprattutto ai fedeli cattolici, perché non abbandonino i malati e gli anziani all’eutanasia, ma ne abbiano cura “con amore e attenzione”.

“Ogni generazione ha molto da insegnare a quella successiva. Per questo, dovrebbe considerare la cura degli anziani come il pagamento di un debito di gratitudine, come parte di una cultura d’amore e di assistenza”.

“E’ un’esperienza ispiratrice ed edificante osservare l’amore e la cura di coloro che lavorano con e a sostegno degli anziani e dei moribondi nei loro ultimi giorni di vita”, conclude.

Il documento in inglese è consultabile su http://scecclesia.wordpress.com/2010/10/07/archbishop-of-melbourne-issues-%E2%80%9Cstatement-on%C2%A0euthanasia%E2%80%9D/