Appello ai giovani e alle famiglie di Madrid a collaborare

MADRID, giovedì, 12 maggio 2011 (ZENIT.org).- Il direttore esecutivo della Giornata Mondiale della Gioventù (GMG, in spagnolo JMJ), Yago de la Cierva, ha compiuto questo martedì un bilancio dei preparativi del grande evento di agosto a Madrid. Per la prima volta, ci sarà una radio ufficiale della Giornata di incontro dei giovani con il Papa.

“Vogliamo che tutti i giovani siano molto vicini al Pontefice, e questo implica il sistema di accreditamento, di sicurezza…”, ha sottolineato. “E’ suonata la campana dell’ultimo giro, e siamo entrati in una fase organizzativa molto intensa: i sette dipartimenti si sono divisi in 16 aree di lavoro per arrivare anche ai minimi dettagli”.

Secondo il direttore esecutivo della GMG, le priorità dell’organizzazione al momento attuale sono molto diverse. Ha chiesto a chi si vuole iscrivere di farlo al più presto per ottenere un’assistenza migliore e permettere di disegnare la rete di servizi necessaria per accogliere tutti coloro che parteciperanno alla Giornata.

C’è anche bisogno di volontari, soprattutto madrileni, e che molte famiglie di Madrid accolgano in casa propria i giovani della GMG, perché molti possano sentirsi “non come a casa, ma a casa”.

De la Cierva ha anche spiegato l’ampia opera di diffusione della Giornata in Spagna e nel mondo, rimarcando in particolare il progetto unomasuno.org, un’iniziativa nata con il desiderio di fare una proposta ai giovani universitari. “Che messaggio possiamo proporre dalla GMG? La solidarietà”, ha spiegato Fernando Sols, responsabile dei volontari della Comunicazione.

“Nelle università di tutta la Spagna i volontari della GMG hanno fatto proprio il motto ‘Compi un’azione solidale, un solo giorno’, e la risposta è stata davvero positiva”, ha aggiunto Sols. Secondo dati dell’organizzazione, si è arrivati a trasmettere questo messaggio a 20.000 universitari, dei quali circa 5.000 hanno già partecipato ad attività solidali con varie ONG spagnole.

Radio JMJ e Madrid 11 TV

I pellegrini che andranno a Madrid potranno essere informati in varie lingue attraverso Radio JMJ (radio.madrid11.com), un progetto a cui collaborano Radio Maria e 98.3 Radio Universidad de Navarra.

“E’ la prima volta che c’è una radio ufficiale della Giornata Mondiale”, ha spiegato Esteban Munilla, direttore di Radio Maria. “L’emittente si pone come un servizio al pellegrino, come il mezzo più semplice ed economico per orientare tutti con informazioni utili e per poter seguire gli atti”.

I principi su cui si baserà Radio JMJ sono professionalità, spirito di servizio e lo spirito giovane proprio della GMG, hanno detto gli organizzatori.

Radio Maria collabora apportando le sue strutture e le sue frequenze (96.9 FM e 90.7 FM). L’Università di Navarra offrirà professionisti e volontari.

Oltre alla radio, ci sarà una WebTV (tv.madrid11.com) pensata in particolare per tutti quei giovani che non potranno andare a Madrid, perché possano seguire la GMG con tutti i dettagli.

“Sono previste sei ore quotidiane di programmazione dal 16 agosto, inclusi gli atti presieduti dal Papa e le principali catechesi e attività culturali. Questi programmi verranno diffusi nuovamente in orario notturno per l’Asia e l’America”, ha spiegato Loreto Corredoira, di Madrid 11 TV.

Il programma “100% Natural”, che farà da contesto a tutte le attività sostenibili della Giornata, lancerà un nuovo spot. Con questo, si dà il via libera a una serie di azioni di consapevolezza ecologica che verranno implementate nei prossimi mesi.

“Nelle reti sociali inizia un concorso in nove lingue, in cui i fans di Facebook uniranno la cura dell’ambiente al messaggio cristiano”, ha affermato Eva Latonda, direttrice di Ambientación Ciudadana.

A meno di 100 giorni dalla GMG, gli organizzatori hanno anche invitato a “compiere uno sprint nella preparazione spirituale personale”. Per favorire questo obiettivo, la casa editrice Romana ha pubblicato un libro (“¡No tengáis miedo!”) in cui si raccolgono i messaggi di tutte le Giornate Mondiali, inclusa quella di Madrid.

Nel prologo, monsignor César Franco, coordinatore generale della GMG e Vescovo ausiliare di Madrid, dice: “Tutti i messaggi si centrano sul nucleo della fede cristiana, ma offrono anche criteri per vivere la fede nelle circostanze che i giovani di ogni generazione devono affrontare”.

“Ogni messaggio lancia sfide ai giovani… Ciascuno è un modo  particolare di riformulare il ‘Non abbiate paura!’ con cui Giovanni Paolo II salutò il mondo intero all’inizio del suo pontificato, e che Benedetto XVI ha ripreso”, ha indicato Carmen Magallón, presidente delle edizioni Romana.

“Saldi nella fede con Maria” è il titolo di una nuova campagna che promuove la recita del rosario ogni sabato fino ad agosto, pregando la Madonna per il successo spirituale della GMG.

“Siamo convinti dell’importanza del rosario tra i giovani. Insegna loro a entrare in raccoglimento per qualche minuto nel ritmo frenetico della giornata e a dedicare un po’ di tempo per essere più vicini a Dio”, ha commentato padre James Phalan, direttore di Holy Rosary International e responsabile di questo progetto. E’ un’associazione internazionale con sede negli Stati Uniti, che ha donato le sette tonnellate di rosari destinate agli zaini dei pellegrini. Per saperne di più, www.firmesenlafe.org.

Per ulteriori informazioni, www.oficinadeprensajmj2011.com