Il Baratiya Janata Party parla di “minaccia alla sicurezza nazionale”

ROMA, venerdì, 6 novembre 2009 (ZENIT.org).- La Chiesa cattolica e i cristiani degli Stati del Madhya Pradesh e del Chhatisgarh, nella regione centrale del Paese, sono diventati bersaglio delle accuse di “conversioni illegali di massa” lanciate dal Baratiya Janata Party (BJP), un partito nazionalista indù attualmente all’opposizione nel Governo federale dell’India ma molto influente in varie zone.

Padre Anand Muttungal, portavoce della Chiesa cattolica nei due Stati, ha segnalato all’agenzia Fides che il Presidente Nazionale del BJP, Shri Rajnath Singh, è intervenuto recentemente a un incontro pubblico a Bhopal (capitale del Madhya Pradesh), a cui erano presenti i leader di diverse religioni, stigmatizzando le “conversioni di massa realizzate illegalmente dai cristiani in India, specialmente nel Nordest”.

A suo avviso, queste azioni avrebbero portato alla “conversione del 30% della popolazione tribale in Chhattisgarh e Jharkhand”.

Secondo il leader del BJP, è necessario bloccare in ogni modo, anche a costo di cambiare la Costituzione, il fenomeno di “usare sistematicamente mezzi illegali per le conversioni di massa”.

La Chiesa locale ha risposto alle accuse sostenendo che “se ciò fosse vero, sarebbe un brutto segnale per tutta la Nazione, e sarebbe interesse dell’intero Paese accertare fatti legati alle conversioni illegali”.

“Occorrerebbe fare un rapporto alla polizia e deplorare tali conversioni”, ha detto padre Anand, che ha scritto una lettera ufficiale a Shri Rajnath Singh.

Per il sacerdote, “si stanno usando gli slogan e il tema delle conversioni per puri motivi elettorali e per conquistare gli indù”.

Le accuse, ha sottolineato, portano a una vera campagna d’odio contro i cristiani: “In Madhya Pradesh chiese, centri di preghiera, istituti, individui cristiani sono soggetti ad attacchi brutali da parte di individui e gruppi integralisti”, “e il Governo non fa nulla per fermarli. Bisogna fermare e denunciare tali affermazioni infondate e inaccettabili”.

Il leader del BJP ha anche dichiarato che “gli stranieri stanno utilizzando la religione per infiltrarsi nella cultura indiana” e che è in atto “una reale minaccia alla sicurezza nazionale”.

“Serviamo la Nazione con un vasto impegno nel campo dell’istruzione, della salute e dello sviluppo umano – ha risposto la comunità cristiana –. Molti indù che sono, fra l’altro, nel BJP hanno ricevuto l’istruzione in strutture cattoliche”.

“Vorremmo ricordare al BJP che la Costituzione indiana garantisce libertà di religione, libertà di pensiero e libertà di espressione: il che significa anche libertà di cambiare e abbracciare un’altra religione o ideologia”, dichiarano i cristiani.