Rapporto presentato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre

KÖNIGSTEIN, mercoledì, 15 luglio 2009 (ZENIT.org).- Le prime cose di cui hanno bisogno oggi i cattolici del Vietnam sono le chiese, affermano i Vescovi del Paese, che stanno viaggiando per l’Europa dopo aver realizzato la loro visita “ad limina apostolorum” a Benedetto XVI e ai suoi collaboratori.

Giovedì scorso, sei Vescovi vietnamiti hanno visitato la sede centrale dell’associazione cattolica internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), a Königstein, vicino Francoforte (Germania).

Tutti i presuli hanno concordato sul fatto che il numero delle vocazioni in Vietnam continua ad essere considerevole.

I Vescovi, provenienti da varie regioni del Paese, hanno informato i rappresentanti dell’associazione sulla vita difficile e sulle necessità della Chiesa cattolica in Vietnam.

Tra le altre questioni, monsignor Pierre Nguyên Van Nhon, Vescovo di Dalat e presidente della Conferenza Episcopale Vietnamita, ha sottolineato nella sua relazione ad ACS l’importanza degli edifici ecclesiali per la Chiesa cattolica.

Senza chiese, ha segnalato, non solo non è possibile svolgere un’azione pastorale, ma ci sono ripercussioni su tutta la vita sociale e sull’impegno delle comunità che si sviluppa intorno a queste. Purtroppo, ha aggiunto, non tutte le comunità di cattolici dispongono di una chiesa propria.

Monsignor Paul Bui Van Doc, Vescovo di My Tho e presidente della Commissione per la Dottrina della Fede della Conferenza Episcopale Vietnamita, ha detto che una delle priorità è l’opera di evangelizzazione della Chiesa.

In questo senso, ha ricordato la grande utilità dei ciclomotori per le religiose, che grazie a questi possono assistere meglio i fedeli.

Monsignor Joseph Dang Duc Ngan, Vescovo di Lang Son, ha sottolineato in relazione all’evangelizzazione la necessità di una buona formazione di base e della formazione permanente per sacerdoti, religiosi e laici.

Dal canto suo, monsignor Paul Marie Cao Dinh Thuyen, 82enne Vescovo di Vinh, ha informato delle esperienze positive che ha compiuto nella sua Diocesi con i 6.000 catechisti volontari, formati dai sacerdoti e dalle religiose che visitano i villaggi. La Diocesi ha mezzo milione di fedeli.

Monsignor Thomas Nguyen Van Tan, Vescovo di Vinh Long, ha sottolineato soprattutto la necessità di rafforzare le famiglie e di esortare i genitori a mandare i propri figli al catechismo e alla Messa, perché i bambini e i giovani appartengono alla generazione più colpita dai cambiamenti sociali.

A suo avviso, molti giovani emigrano per cercare lavoro nelle città, dove alcuni, perdendo le proprie radici e l’equilibrio interiore, finiscono per adottare “costumi sbagliati”. Dar loro una buona base, osserva, aiuta a prevenire queste situazioni.

Monsignor Cosma Hoang Van Dat SJ, Vescovo di Bac Ninh, si è detto d’accordo e ha segnalato che nella sua Diocesi si stanno sperimentando esperienze positive con la pastorale infantile, perché molti bambini ora parlano alle proprie famiglie e agli amici della vita di Gesù.

Il Vietnam, ancora governato da un regime comunista, continua ad essere per Aiuto alla Chiesa che Soffre una delle priorità in Asia. L’associazione, che sovvenziona progetti in 138 Paesi di tutto il mondo, ha sostenuto nel 2008 la Chiesa cattolica vietnamita (che conta circa 6 milioni di fedeli su una popolazione totale di quasi 87 milioni) con più di 1,06 milioni di euro.