Dura requisitoria di Benedetto XVI contro quegli ecclesiastici che usano il sacerdozio per acquisire potere e prestigio personale, per soddisfare le “proprio ambizioni” e raggiungere un proprio successo durante la messa per l’ordinazione di 14 sacerdoti
Tratto da Il Giornale del 20 giugno 2010

Una dura requisitoria contro quegli ecclesiastici che usano il sacerdozio  per acquisire potere e prestigio personale, per soddisfare le “proprio ambizioni” e raggiungere un proprio successo è stata fatta oggi da Papa Benedetto XVI durante la messa a San Pietro per l’ordinazione di 14 nuovi preti della diocesi di Roma. Sullo sfondo delle parole del Papa inevitabile non pensare anche alla vicende giudiziarie che stanno investendo la passata gestione della Congregazione vaticana per l’Evangelizzazione dei popoli, ex Propaganda Fide, e i sospetti di un uso politico e improprio di beni della Chiesa.

“Il sacerdozio – ha ammonito Ratzinger con voce grave – non può mai rappresentare un modo per raggiungere la sicurezza nella vita o per conquistarsi una posizione sociale”. “Chi aspira al sacerdozio per un accrescimento del proprio prestigio personale e del proprio potere ha frainteso alla radice il senso di questo ministero”, ha aggiunto. “Chi vuole soprattutto realizzare una propria ambizione, raggiungere un proprio successo sarà sempre schiavo di sé stesso e dell’opinione pubblica”, ha scandito. “Per essere considerato – ha sottolineato – dovrà adulare; dovrà dire quello che piace alla gente; dovrà adattarsi al mutare delle mode e delle opinioni e, così, si priverà del rapporto vitale con la verità, riducendosi a condannare domani quel che avrà lodato oggi. Un uomo che imposti così la sua vita, un sacerdote che veda in questi termini il proprio ministero, non ama veramente Dio e gli altri, ma solo se stesso e, paradossalmente, finisce per perdere se stesso”, ha profetizzato il papa.