Il Papa benedice la prima pietra di due chiese

AMMAN, domenica, 10 maggio 2009 (ZENIT.org).- Con la benedizione delle prime pietre di due chiese, Benedetto XVI ha voluto riscoprire e rilanciare questa domenica pomeriggio i pellegrinaggi al luogo in cui Gesù vene battezzato da Giovanni il Battista, sulle rive del fiume Giordano.

L’importanza di questo gesto non solo per la Chiesa ma anche per la stessa Giordania è stata sottolineata dalla partecipazione all’incontro dei sovrani del Paese, Abdallah II e Rania, che non era stata prevista.

I sovrani hanno accolto il Santo Padre e insieme sono saliti su una macchina da golf perché il re, seduto accanto al Papa, gli potesse illustrare le scoperte che si stanno effettuando in questo importantissimo sito archeologico, ufficialmente noto come Sito del Battesimo (Baptism site), che si trova sotto il controllo di una commissione giordana.

Le scoperte, iniziate alla fine degli anni Novanta, hanno evidenziato come il luogo sia stato meta di pellegrinaggi fin dagli inizi del cristianesimo, come dimostrano più di venti chiese, grotte e piscine battesimali risalenti ai periodi romano e bizantino. Le vicissitudini storiche, ad ogni modo, avevano interrotto i pellegrinaggi in questo luogo.

Gli archeologi sostengono che si tratti della località che il Vangelo di Giovanni (capitolo I, versetto 28) definisce “Betania oltre il Giordano”, una Betania diversa da quella che si trova vicino Gerusalemme (dove ha avuto luogo il miracolo della resurrezione di Lazzaro) e che gli esegeti fino a pochi anni fa non sapevano situare.

“Nel corso dei secoli, molti pellegrini sono venuti al Giordano per cercare la purificazione, rinnovare la loro fede e stare più vicini al Signore. Così fece la pellegrina Egeria che ha lasciato uno scritto sulla sua visita alla fine del quarto secolo”, ha affermato il Papa.

Per questo, ha aggiunto, “il Sacramento del Battesimo, che trae il suo potere dalla morte e resurrezione di Cristo, sarà particolarmente tenuto in considerazione dalle comunità cristiane che si raccoglieranno nelle nuove chiese”.

“Possa il Giordano ricordarvi sempre che siete stati lavati nelle acque del Battesimo e siete divenuti membri della famiglia di Gesù”, ha augurato ai cristiani locali.

Il re Abdallah II progetta di far costruire in questo luogo cinque chiese per accogliere i pellegrini, una per ogni confessione cristiana. Due sono cattoliche, quella latina e quella greco-melchita, le cui prime pietre sono state benedette questa domenica dal Papa.

Come ha spiegato a ZENIT Nader Twal, cristiano, guida turistica, “purtroppo questo sito che ha fatto nascere la fede cristiana è ancora dimenticato anche dalla Chiesa”, motivo per il quale si spera che quale la visita del Papa permetta ai pellegrini di tutto il mondo di riscoprirlo.