di Magdi Cristiano Allam da Il Giornale
Grillo e Casaleggio promotori della dittatura informatica

 Così come il comunismo ideologico faceva paura non perché giustamente difendeva i diritti dei lavoratori ma perché predicava l’eliminazione dei datori di lavoro prospettando la dittatura del proletariato e la morte del capitalismo, il mondo contemporaneo deve fronteggiare due nuove minacce che attentano alla nostra civiltà: la dittatura finanziaria e la dittatura informatica che, in Italia, s’incarnano rispettivamente in Mario Monti e in Beppe Grillo (quale espressione mediatica e politica del pensiero di Gianroberto Casaleggio, co-fondatore del Movimento 5 Stelle).

La presenza di Monti ai vertici di Goldman Sachs, Moody’s, Gruppo Bilderberg, Commissione Trilaterale e Centro studi Bruegel attestano senza ombra di dubbio la sua identità di uomo dei poteri finanziari forti e, specificatamente, di coloro che hanno prima creato il cancro dei titoli tossici che ammontano a 12 volte il Pil mondiale, poi sono impegnati controllando i governi e le banche nel loro riciclaggio a discapito dell’economia reale. Monti non ci preoccupa tanto perché nonostante la più alta imposizione fiscale al mondo abbia fatto salire il debito pubblico e fatto calare il Pil, ma è da contrastare perché sta condannando a morte 1 impresa ogni 1,5 minuti non restituendo 100 miliardi di credito e sta riducendo sempre più gli italiani in povertà negando soprattutto ai giovani qualsiasi certezza nel presente e speranza nel futuro. Ciò non accade perché Monti è un incompetente ma perché sta attuando rigorosamente la missione di salvare le banche e di riciclare i titoli tossici, prospettando una dittatura finanziaria in cui la persona viene ridotta a semplice strumento di produzione e consumo della materialità, costretto a prostrarsi al dio denaro.

Quanto a Grillo è sicuramente preoccupante il fatto che sia diventato lo sfogatoio nazionale della rabbia e della frustrazione incontenibile degli italiani, specie dei giovani, facendo leva sulla promessa di distruggere tutti e tutto, ma è da contrastare senza indugi per la prospettiva di imporci una dittatura informatica in cui la persona è ridotta a un oggetto digitalizzato, controllato e condizionato dal nuovo dio Internet. Sin dal 28 maggio 2005, tre giorni dopo l’inaugurazione del suo blog, Grillo si definì “un partigiano della Terza guerra mondiale, quella dell’informazione”. Il 12 ottobre 2005 in un post parlò di “democrazia diretta” garantita dalla Rete, dove la “cittadinanza digitale” sarà “il primo diritto di ogni persona”.

Ma è in un video dal titolo “Casaleggio e il suo nuovo Ordine Mondiale Gaia”  (http://www.youtube.com/watch?v=JodFiwBlsYs) che viene spiegata la dittatura informatica. Il video, in inglese e didascalie in italiano, inizia così: “Gaia, un ordine mondiale è nato oggi. Il 14 agosto 2054, conflitti razziali, conflitti ideologici, conflitti religiosi, conflitti territoriali, appartengono al passato. Ogni uomo è un cittadino del mondo soggetto alle stesse leggi. Internet è stato il veicolo del cambiamento attraverso le comunicazioni, la conoscenza e l’organizzazione a livello planetario”. Queste le tappe: “2018 il mondo è diviso in 2 aree maggiori: l’Ovest con la democrazia diretta e libero accesso ad Internet; Cina, Russia e Medio Oriente con una dittatura Orwelliana e l’accesso ad Internet sotto controllo. 2020: inizio della Terza guerra mondiale che durerà 20 anni. Riduzione della popolazione mondiale ad 1 miliardo di persone. 2040: l’Occidente vince; la democrazia della Rete trionfa. 2047: ognuno ha la sua identità in un network sociale e mondiale creato da Google di nome Earthlink; per essere tu devi essere in Earthlink o non avrai identità, non è più richiesto un passaporto. 2050: Brain Trust, un’intelligenza sociale collettiva permette alle persone di risolvere problemi complicati all’ordine del giorno condividendo ogni tipo di informazioni e dati on line. 2054: prima elezione mondiale in Rete per un governo mondiale chiamato Gaia che verrà eletto. Le organizzazioni segrete vengono proibite. Ogni uomo può diventare presidente e controllare le azioni del governo attraverso la rete. In Gaia partiti politici, ideologie, religioni, spariscono. L’uomo è il solo proprietario del suo destino. La conoscenza collettiva è la nuova politica”.

Ebbene così come abbiamo condannato il comunismo, oggi condanniamo sia la dittatura finanziaria sia la dittatura informatica perché in tutti i casi relativizzano e schiavizzano la persona. Noi vogliamo e dobbiamo salvaguardare la centralità della persona come depositaria di valori non negoziabili alla vita, alla dignità e alla libertà, mai strumento e mai subordinato allo Stato, al denaro, a Internet. Non ci stupisce che sia l’ex-comunista Bersani, sia Monti sia Grillo, proprio partendo da una visione relativista della persona, condividano sostanzialmente una concezione centralistica del potere, convergendo nella difesa di quest’Unione Europea assoggettata a banchieri e burocrati, sintesi perfetta della dittatura politica, finanziaria e informatica.