Fellay mette fuori dalla San Pio X il vescovo negazionista. Un altro presule lefebvriano, de Gallareta fa il punto sui rapporti con la Santa Sede: «Alle condizioni di Roma abbiamo risposto con le nostre condizioni irrinunciabili»

Andrea Tornielli
da Vatican Insider

Richard Williamson, il vescovo che nel novembre 2008 in un’intervista televisiva disse di non credere all’esistenza delle camere a gas naziste e che ha sempre rappresentato l’ala più oltranzista della Fraternità San Pio X fondata da Lefebvre, non ne farebbe più parte. Dopo settimane di indiscrezioni, già riportate da Vatican Insider, la decisione sarebbe diventata operativa, a quanto riferiscono da fonti indipendenti due diversi siti – Rorate coeli e Le Salon beige

– solitamente bene informati sulle vicende interne del mondo tradizionalista. Una scelta destinata a pesare sui destini del gruppo lefebvriano, che certamente non dispiace alle autorità vaticane. Ma i rapporti della Fraternità con la Santa Sede appaiono sempre in alto mare. «Ovviamente la possibilità di un accordo si allontana, ma soprattutto è stato definitivamente rimosso, per questa volta, il rischio di un cattivo accordo», ha detto Alfonso de Gallareta, uno dei quattro vescovi della Fraternità San Pio X consacrato senza il mandato del Papa da Lefebvre nel 1988. De Gallareta è stato colui che ha guidato la delegazione lefebvriana nei colloqui dottrinali con le autorità vaticane. Lo scorso 13 ottobre, il vescovo ha partecipato alle «Giornate della Tradizione» a Villepreux, in Francia, dove ha tenuto una conferenza facendo il punto sui rapporti con la Santa Sede.

De Gallareta ha innanzitutto ricordato le tre condizioni contenute nel preambolo dottrinale che il cardinale William Levada ha consegnato nelle mani del superiore della Fraternità, il vescovo Bernard Fellay, lo scorso giugno: «Riconoscere che il Magistero vivente è l’interprete autentico della tradizione; riconoscere che il Concilio Vaticano II è in perfetto accordo con la Tradizione ed  è necessario accettarlo; accettare la validità e la liceità della Messa nuova».

De Gallareta ha quindi spiegato perché i lefebvriani non ritengono di poter accogliere queste indicazioni, ad esempio per quanto riguarda la messa, perché contesta la «legittimità della riforma liturgica e della nuova Messa», in quanto «è in contrasto con la fede e con essa si sta demolendo la fede».

Il vescovo ha quindi confermato che Fellay, di fronte all’ultima stesura del preambolo dottrinale, dopo aver ricevuto segnali diversi da Roma, ha scritto a Benedetto XVI chiedendogli se quell’ultima versione era stata approvata da lui e corrispondeva al suo pensiero. Proprio alla vigilia del capitolo generale della Fraternità dello scorso luglio, è arrivata la risposta del Papa: «Eravamo a tavola, di domenica, al termine del ritiro che ha preceduto il Capitolo, e il superiore ci ha detto di aver ricevuto la lettera con la quale il Papa conferma che la risposta della Congregazione per la dottrina della fede è la sua risposta e che lui l’ha approvata. E ricorda le tre condizioni irrinunciabili per un riconoscimento canonico».

Poi, ha affermato ancora de Gallareta, c’è stata la nomina dell’arcivescovo Gerhard Müller a Prefetto dell’ex Sant’Uffizio e a presidente della Commissione Ecclesia Dei. «Oltre al fatto che ha messo in discussione molte verità della fede», ha detto il prelato lefebvriano, noi «avevamo già avuto difficoltà e scontri con lui», quando Müller era vescovo di Regensburg: «Tre anni ha minacciato di scomunicare il vescovo che stava per fare delle ordinazioni nel nostro seminario di Zaitzkofen, che in quella occasione ero io… E ha già detto che i vescovi della Fraternità hanno una sola cosa da fare: inviare le loro rinunce dall’episcopato al Papa e rinchiudersi in un monastero».

De Gallareta ha quindi diffusamente descritto il capitolo generale della Fraternità, che si è tenuto dal 9 al 14 luglio, ricordando quali sono invece le condizioni irrinunciabili per i lefebvriani in vista di una regolarizzazione canonica. la «libertà di conservare, trasmettere e insegnare la dottrina sacra del Magistero costante della Chiesa e della verità immutabile della Tradizione divina» e dunque la libertà di «correggere, riprendere, anche pubblicamente, i fautori di errori o delle novità del modernismo, del liberalismo, del Concilio Vaticano II e delle loro conseguenze». La seconda riguarda «l’uso esclusivo della liturgia del 1962»; la terza, «la garanzia di almeno un vescovo».

«Si è inoltre deciso in questo Capitolo – ha detto ancora De Gallareta –  che, se mai la Casa Generalizia sia arrivata a qualcosa di prezioso e interessante rispetto a queste condizioni, ci sarà un Capitolo deliberativo, il che significa che la sua decisione è necessariamente vincolante per i membri della Società. Quando vi è un Capitolo consultivo, l’autorità chiede consigli, ma poi decide liberamente. Un Capitolo deliberativo significa invece che la decisione viene presa dalla maggioranza assoluta».