Celebrato il Concistoro in Vaticano

CITTA’ DEL VATICANO, domenica, 22 febbraio 2009 (ZENIT.org).- Il Papa proclamerà dieci nuovi santi nel corso di due cerimonie in programma il 26 aprile e l’11 ottobre prossimi. Lo ha annunciato egli stesso nel corso del Concistoro ordinario pubblico tenuto questo sabato mattina nella Sala Clementina del palazzo Apostolico.

Secondo l’annuncio, domenica 26 aprile 2009 si celebrerà la cerimonia di canonizzazione dei beati:

— ARCANGELO TADINI, sacerdote, fondatore della Congregazione delle Suore Operaie della Santa Casa di Nazareth;

— BERNARDO TOLOMEI, abate, fondatore della Congregazione di Santa Maria di Monte Oliveto dell’Ordine di San Benedetto;

— NUNO DE SANTA MARIA ÁLVARES PEREIRA, religioso dell’Ordine dei Carmelitani;

— GERTRUDE (CATERINA) COMENSOLI, vergine, fondatrice dell’Istituto delle Suore del Santissimo Sacramento;

— CATERINA VOLPICELLI, vergine, fondatrice della Congregazione delle Ancelle del Sacro Cuore.

Domenica 11 ottobre verrà celebrata la cerimonia di canonizzazione dei beati:

— ZYGMUNT SZCZĘSNY FELIŃSKI, Vescovo, fondatore della Congregazione delle Suore Francescane della Famiglia di Maria;

— FRANCISCO COLL Y GUITART, sacerdote dell’Ordine dei Frati Predicatori (Domenicani), fondatore della Congregazione delle Suore Domenicane dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria;

— JOZEF DAMIAN DE VEUSTER, sacerdote della Congregazione dei Sacri Cuori di Gesù e di Maria e dell’Adorazione Perpetua del Santissimo Sacramento dell’Altare (PICPUS);

— RAFAEL ARNÁIZ BARÓN, religioso dell’Ordine Cistercense della Stretta Osservanza;

— MARIE DE LA CROIX (JEANNE) JUGAN, vergine, fondatrice della Congregazione delle Piccole Sorelle dei Poveri.

Il Concistoro ha riunito 39 Cardinali intorno al Papa. All’inizio della celebrazione dell'”Ora Sesta”, il Papa ha introdotto brevemente gli argomenti da trattare.

Dopo il canto dei salmi e la proclamazione della “Lectio brevis”, è seguita la perorazione delle cause di canonizzazione, compiuta dall’Arcivescovo Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Il Papa ha chiesto quindi ai Cardinali – tra cui Angelo Sodano, decano del Collegio Cardinalizio, e Tarcisio Bertone, Segretario di Stato -, agli Arcivescovi e ai Vescovi presenti – tra i quali gli Arcivescovi Fernando Filoni, sostituto della Segreteria di Stato, Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati, e Carlo Maria Viganò, Nunzio Apostolico, delegato per le Rappresentanze Pontificie – il parere sulle canonizzazioni proposte.

Dopo aver sentito il parere favorevole, Benedetto XVI ha deciso di iscrivere all’Albo dei santi i dieci beati.

Il Pontefice ha quindi guidato la preghiera per la Chiesa, invocando la presenza della Trinità nella vita del popolo di Dio. La triplice invocazione si è conclusa con il canto del “Pater Noster”.

Il Papa ha infine impartito la benedizione apostolica ai presenti.

Subito dopo, il Maestro delle Cerimonie liturgiche pontificie, monsignor Guido Marini, ha invitato monsignor Paolo De Nicolò, reggente della Prefettura della Casa pontificia e protonotario apostolico, a redigere lo strumento pubblico “ad perpetuam rei memoriam”.