Il Cardinale Rouco illustra i momenti salienti dell’incontro di Madrid

MADRID, lunedì, 14 settembre 2009 (ZENIT.org).- Per la prossima Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) di Madrid 2011 si attendono circa due milioni di giovani, la metà madrileni e il resto proveniente da altri luoghi.

Lo ha rivelato il Cardinale Antonio María Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid, in un’intervista concessa al quotidiano spagnolo ABC in occasione dell’inizio, questo lunedì, festa dell’Esaltazione della Santa Croce, dei preparativi per questo grande incontro mondiale.

Con la Veglia di questa notte nella cattedrale dell’Almudena di Madrid inizia il pellegrinaggio della Croce delle Giornate Mondiali, consegnata all’Arcidiocesi di Madrid il 5 aprile scorso, Domenica delle Palme.

La Croce visiterà tutte le parrocchie dell’Arcidiocesi, per poi passare alle Diocesi suffraganee di Alcalá e Getafe, e in seguito visiterà ogni Diocesi della Spagna.

Secondo quanto ha rivelato il Cardinale Rouco, gli appuntamenti fondamentali della GMG, presieduti dal Papa, sono già stabiliti: la Veglia e l’Eucaristia conclusiva (19 e 20 agosto) si celebreranno nella base aerea di Cuatro Vientos, luogo dove si è svolto un incontro simile, l’11 aprile 2003, con Giovanni Paolo II.

La Messa che darà inizio alla Giornata e l’accoglienza al Papa verranno celebrate in Plaza de la Cibeles, nel centro della città, il 16 agosto.

E’ previsto, anche se non ci sono conferme ufficiali, che si celebri una Via Crucis solenne venerdì 18 agosto lungo il Paseo de la Castellana, l’arteria principale che divide la capitale spagnola da nord a sud.

Per il Cardinale Rouco, le GMG “hanno condizionato la storia dell’evangelizzazione dei giovani del mondo”, aiutando a creare “una cultura giovanile distinta, un’aria nuova per la vita dei giovani nei loro ambienti e gruppi ecclesiali”.

“Per migliaia di ragazzi hanno significato l’incontro o il reincontro con la fede. Altri hanno scoperto la propria vocazione, e tutti hanno visto modi di essere giovane, di voler vivere con dignità, nobiltà e orizzonti chiari”, ha aggiunto.

Preparativi avviati

Il Cardinale ha spiegato che si è già costituito il Comitato organizzatore della GMG, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per i Laici e la Conferenza Episcopale Spagnola (CEE), e che avrà sede in una parrocchia di Madrid.

Il Comitato ha approvato il logotipo ufficiale della GMG e l’inno e si incaricherà di coordinare le catechesi nelle altre lingue (più di 300) e le varie attività previste.

In base ai primi dati, si prevede la presenza di più di 2.000 Vescovi e della metà dei Cardinali di tutta la Chiesa.

Il porporato ha anche spiegato alcune iniziative particolari di questa Giornata, come una al Museo del Prado (il più importante del Paese), in cui “si preparerà un itinerario di visita sul tema ‘Cercando Cristo’”.

E’ inoltre previsto che la maggior parte delle parrocchie di Madrid apra tutto il giorno per accogliere i pellegrini che vogliono pregare.

Un’altra questione da affrontare sarà l’accoglienza dei pellegrini. Il Cardinale ha affermato che si offrirà alle famiglie madrilene di ospitare i giovani, anche se ha riconosciuto che non sarà sufficiente per tutti.

Si è quindi chiesto a tutte le istituzioni ecclesiali di offrire gli spazi disponibili e si è chiesto aiuto al Governo e alle autorità regionali e locali. Tutte le istituzioni civili hanno manifestato “piena disponibilità” e hanno dato una “magnifica risposta”, ha confessato.

Il porporato ha infine parlato dei costi materiali, per sostenere i quali ci si baserà soprattutto su “apporti privati e donazioni dei fedeli”, e della necessità di circa 15.000 volontari delle sei aree linguistiche principali.

“La tradizione della Chiesa spagnola sarà una novità grande e positiva per i giovani di molte parti del mondo, dove la Chiesa è molto giovane, dove il grande passato cristiano è oscurato o la realtà della vita consacrata contemplativa, che tanto attrae i ragazzi del nostro tempo, non è così vigorosa come la nostra”, ha concluso.